Rapina un distributore di carburante: arrestato 19enne

Venerdì, 19 Maggio 2017 11:25

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Taranto, hanno tratto in arresto, per rapina e resistenza a Pubblico Ufficiale, Giuseppe Sambito, 19enne, tarantino, pregiudicato.

Ieri pomeriggio, su richiesta della Centrale Operativa del Comando Provinciale Carabinieri di Taranto, gli equipaggi dell’Aliquota Operativa e dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia cittadina, sono intervenuti nel rione “Tamburi”, in quanto, poco prima, l’addetto di un distributore di carburante del posto era stato vittima di rapina.
I militari, giunti sul posto, sono venuti a conoscenza dalla vittima, che l’autore della rapina, dopo averlo minacciato, dapprima gli ha sottratto una banconota da 50 euro ed in seguito per assicurarsi il “bottino” lo ha colpito al volto con un pugno, dileguandosi per le vie limitrofe a bordo di uno scooter.
A seguito dei primi rapidi accertamenti, susseguiti alla minuziosa descrizione fatta dalla vittima, i Carabinieri hanno diramato le ricerche alle pattuglie presenti in città, una delle quali, raccolta la nota, ha individuato l’autore del reato, in un giovane che, a bordo di uno scooter, si é addentrato nella città Vecchia. Ne è scaturito un breve inseguimento, nel corso del quale il 19enne, per evitare di essere bloccato, ha imboccato diverse strade contromano, rischiando di mettere in pericolo l’incolumità dei numerosi pedoni che a quell’ora affollavano le vie del centro storico. La fuga é terminata nei pressi di via Duomo, dove i Carabinieri lo hanno affiancato e bloccato alla guida dello scooter; immediatamente perquisito, il soggetto è stato condotto presso gli uffici della Compagnia di Taranto ove, a conclusione delle incombenze di rito, è stato tratto in arresto.
Giuseppe Sambito, successivamente, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Taranto su disposizione del Pm di turno della Procura della Repubblica di Taranto, Lucia Isceri.
Il giovane dovrà rispondere dei reati di rapina e resistenza a Pubblico Ufficiale.

Vota questo articolo
(1 Vota)

 

Ultime notizie

Seguici su

Go to top