Sabato, 18 Novembre 2017

    Pesca illegale, sequestrati 11 Kg di datteri

    Foto ufficio stampa Foto ufficio stampa

    Nell’ambito di un'azione di controllo relativa alla tutela dell’ambiente marino e alla repressione della pesca illegale, si è svolta nei giorni scorsi un’operazione del nucleo di polizia ambientale della Direzione Marittima di Bari che ha portato al sequestro di 3 Kg di datteri, appositamente occultati dietro un telo in Città vecchia – discesa Vasto, e successivamente al sequestro di ulteriori Kg. 8,250 di datteri, celati all’interno dell’abitacolo di un’autovettura, sempre a Taranto, in Viale Unità d’Italia con il conseguente deferimento all’autorità giudiziaria degli autori delle violazioni.

    La pesca del dattero oltre ad essere vietata in quanto specie protetta è perseguita per gli ingenti danni che causa all’ecosistema marino. Molti ignorano gli incalcolabili danni ambientali che tale attività di pesca crea sul fondale roccioso, in quanto per prelevare i datteri è necessario frantumare la roccia in cui il bivalve vive nascosto. Il danno ambientale così prodotto è talmente invasivo che per il rispristino delle zone costiere danneggiate e deturpate sono necessari decenni.

    Per quanto sopra nonostante gli accertamenti volti a  prevenire e reprimere tale pesca è necessaria sia un’attività di sensibilizzazione nei confronti di chi li consuma, rendendoli edotti dell’incredibile disastro ambientale che anche indirettamente causano all’ecosistema marino, sia denunciare e segnalare alla Guardia Costiera  i pescatori di datteri e i ristoranti e le pescherie che li vendono.

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati