Sabato, 18 Novembre 2017

    Aggrediscono i poliziotti intervenuti per sedare un violento litigio: quattro persone denunciate

    Nel pomeriggio di sabato, gli agenti della Volante sono intervenuti in via Nettuno dove era stato segnalato un animato litigio fra due persone.

    Giunti sul posto, i poliziotti sono scesi dall’auto di servizio e sono entrati all’interno di uno stabile dove due persone, uno dei quali armato di un casco da motociclista, si stavano violentemente picchiando.
    Dopo alcuni istanti particolarmente concitati, gli agenti sono riusciti a dividere le due persone, ma per tutta risposta sono stati più volte minacciati ed ingiuriati da entrambe.
    Uno dei due contendenti, quello che era in possesso del casco, approfittando della confusione, è riuscito a dileguarsi, mentre l’altro spalleggiato da due suoi familiari, un fratello ed un nipote, ha cercato ripetutamente di aggredire i poliziotti, colpevoli a loro dire di avere sedato la lite.
    Gli atteggiamenti dei tre uomini sono continuati anche con l’arrivo di un altro equipaggio delle Volanti e uno della Sezione Falchi.
    Con non poche difficoltà i poliziotti sono riusciti a riportare la calma.
    L’uomo coinvolto nel litigio, ancora sanguinante, è stato assistito dai sanitari del 118 che dopo le prime cure lo hanno trasportato al locale pronto soccorso. I suoi parenti rispettivamente di 41 e 22 anni, insieme all’altro uomo coinvolto precedentemente nel litigo, rintracciato poi presso il suo domicilio, sono stati accompagnati negli uffici della Questura. Dopo i rilievi di rito, i tre fermati sono stati tutti denunciati in stato di libertà per resistenza, lesioni, oltraggio e minacce a P.U.. Anche l’uomo ricoverato al pronto soccorso con 7 giorni di prognosi è stato denunciato per gli stessi reati.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati