Venerdì, 25 Maggio 2018

    Costruisce abusivamente dopo incendio, Forestale blocca tutto

     È estesa 1.500 metri quadrati l’area posta sotto sequestro dai carabinieri della Forestale a Statte, in contrada Tudisco. E non solamente in quanto non vi era alcuna richiesta, né autorizzazione preventiva a costruire. Ma soprattutto in quanto la porzione di macchia mediterranea era stata colpita da un incendio nel 2011 e sulla stessa, per effetto della legge 335 del 2000, non si può edificare per almeno 15 anni.

     

    I militari, purtroppo, non hanno potuto prevenire lo scempio che è stato realizzato. Al loro arrivo era stata sradicata la macchia mediterranea tipica della zona: lentisco, olivastro, cisto, rosmarino, fillirea, biancospino. E, laddove vi erano piante e arbusti, la Forestale ha trovato un piazzale recintato e inerti da costruzione.

     

    Dopo un accurato controllo, è emerso che i lavori erano stati eseguiti in maniera totalmente abusiva. Inoltre, non erano state acquisite le autorizzazioni legate al vincolo idrogeologico e  paesaggistico. L’area è stata quindi sequestrata e il proprietario deferito all’autorità giudiziaria per distruzione e deturpamento di bellezze naturali e per la violazione della normativa sul vincolo paesaggistico.


     

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    ibl_new.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    ibl_new.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati