Martedì, 25 Settembre 2018

    Rapina all’Auchan, arrestati due giovani brindisini In evidenza

    Foto studio Renato Ingenito Foto studio Renato Ingenito

    Doveva essere un’azione lampo. Come se ne sono viste tante in questi primi mesi del 2018 da Taranto a Bari, passando per Brindisi. Invece qualcosa non ha funzionato. Due coraggiosi vigilanti della galleria Auchan si sono messi di traverso ed hanno sventato l’ennesima rapina ai danni di una gioielleria di un centro commerciale, determinando l’arresto di due dei componenti della banda.


    I fatti si sono verificati nel pomeriggio di ieri. Erano le 16.30 quando quattro individui con il volto travisato ,armati di ascia, martello e pistola (poi rivelatasi una scacciacani), hanno fatto irruzione all’interno della galleria. Una volta all’interno della gioielleria presa di mira, hanno mandato in frantumi espositori e vetrine, arraffando i preziosi e mettendoli all’interno di vaschette portate da casa. Il tutto mentre gli avventori del negozio e degli esercizi vicini scappavano terrorizzati.
    Gli unici a correre in direzione della scena del crimine, come testimoniano i video amatoriali realizzati, sono stati gli addetti alla vigilanza che, coraggiosamente, hanno affrontato i malviventi, bloccandone due insieme agli agenti della Polizia di Stato intervenuti sul posto.
    Gli altri sono riusciti a dileguarsi insieme ad un complice che li attendeva a bordo di un’autovettura all’esterno del centro commerciale.
    I due fermati sono un diciottenne ed un sedicenne, entrambi della provincia di Brindisi. Non aveva precedenti penali a loro carico, ma ora dovranno rispondere di rapina a mano armata. Il maggiorenne è stato trasferito presso la casa circondariale di Taranto, mentre il minore è stato condotto in un centro di Lecce.
    Ora le indagini sono tutte concentrate sull’individuazione dei complici. Una svolta potrebbe venire dalla confessione degli arrestati che sarà inoltre determinante per capire se quello messo a segno ieri sia il primo colpo della banda o l’ultimo di una lunga serie.
    La refurtiva, invece, è stata recuperata e restituita al titolare dell’attività commerciale.

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    menu_alfredo.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati