Sabato, 21 Luglio 2018

    Cozze, controlli della Asl. Contrasto agli ambulanti

    Che le cozze vendute in strada, su banchetti improvvisati e in condizioni igieniche a dir poco opinabili, non rispettassero i criteri di salubrità era cosa nota. Ma con l’avvento della stagione estiva i controlli svolti dai Carabinieri e dal servizio veterinario del dipartimento di prevenzione della Asl sono aumentati.

    Vi è infatti una specifica ordinanza del 3 aprile 2002 del ministero della Salute che disciplina i requisiti igienico-sanitari per il commercio dei prodotti alimentari sulle aree pubbliche. Ombrelloni, tavolini, contenitori, acqua di dubbia provenienza, spesso in pessime condizioni, mancanza di adeguati sistemi in grado di proteggere gli alimenti da contaminazioni esterne non rispettano certo le indicazioni contenute in quel documento.

    In questi giorni sono già stati sottoposti a sequestro e distrutti diversi quintali di molluschi, “trattandosi di prodotto altamente deperibile – tiene a specificare la Asl -, detenuto in condizioni climatiche e con modalità di vendita inadatte alla buona conservazione, esposizione e vendita, per la mancanza di requisiti di igiene e sicurezza alimentare, oltre che di elementi per la rintracciabilità e provenienza.

    Le verifiche – assicura l’Aziena sanitaria locale - proseguiranno nelle prossime settimane. Nella speranza che si riesca – aggiungiamo noi – a debellare definitivamente il fenomeno.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    menu_alfredo.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati