Giovedì, 20 Giugno 2019

    Controlli a tappeto della Polizia: circoli ricreativi chiusi e multe salate

    Foto di repertorio Foto di repertorio Foto Studio R.Ingenito

    14 attività commerciali e più di 50 persone controllate, 53 mila euro di sanzioni complessive, cessazione di attività per tre circoli ricreativi e 14 apparecchi di gioco posti sotto sequestro. E’ il bilancio di diversi servizi di controllo effettuati  dalla Polizia di Taranto.

    I tre circoli ricreativi non avevano alcuna autorizzazione sanitaria e comunale, anche per quanto concerne la somministrazione di alimenti e bevande, ed in uno di essi c’erano anche sei apparecchi da intrattenimento non autorizzati. In due circoli ricreativi sono state rinvenute e sequestrate 14 apparecchiature di gioco, che non rispettavano le normative vigenti. Nella circostanza sono state comminate sanzioni ai gestori. Un’altra medesima attività è stata sanzionata per la presenza di 2 biliardi illegittimi e qui il presidente è stato denunciato perché non era presente la tabella dei giochi proibiti. E’ stata invece ritirata la licenza ad un centro scommesse, il quale non rispettava la normativa regionale sulle distanze dai luoghi sensibili.

    In altri due interventi degli agenti, è stata riscontrata in un bar l’assenza delle indicazioni su orari di apertura e chiusura del locale e in una sala videolottery non c’era l’idoneo cartello di divieto di fumo nella sala fumatori.

    Questo il commento del questore di Taranto, Giuseppe Bellassai: “L’impulso dato al controllo del territorio coinvolge tutti i settori della Polizia di Stato per fare in modo che il livello di sicurezza e la conseguente percezione da parte dei cittadini aumenti in corrispondenza alla reale ed effettiva diminuzione dei reati. Solo la sinergia ed il coordinamento possono garantire l’efficacia e l’incisività dell’azione di prevenzione, per ridurre quelle sacche dell’illegalità che più incidono sui cittadini”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    banner_igenia.jpg
    engineering.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati