Stampa questa pagina

Ennesimo arresto per ‘caporalato’: in manette un 30enne a Ginosa Marina In evidenza

Prosegue senza sosta l’attività dei Carabinieri per contrastare il fenomeno del ‘caporalato’. A Marina di Ginosa è finito in manette un uomo di 30 anni, originario della Romania, perché accusato di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro. I militari hanno infatti scoperto cinque lavoratori extracomunitari intenti a raccogliere le angurie senza il rispetto della normativa contrattuale, di salute e sicurezza sul lavoro. Il 30enne è stato trasferito nel carcere di Taranto. E’ il quindicesimo arresto effettuato dai Carabinieri dal primo giugno ad oggi.

Inoltre, è stato denunciato il proprietario del terreno agricolo, un imprenditore già arrestato in passato per reati analoghi. Nei suoi confronti sono state comminate sanzioni amministrative superiori a 25 mila euro ed ammende pari a 33 mila euro. Sospesa la sua attività imprenditoriale. Sequestrati anche il mezzo usato dal ‘caporale’ per trasportare i braccianti e l’immobile rurale messo a disposizione dell’arrestato.

Vota questo articolo
(0 Voti)