Mercoledì, 15 Luglio 2020

    Dall’estorsione allo spaccio: sei arresti per l’Operazione "Latentia”

    Sei misure di custodia cautelare sono state eseguite dai Carabinieri di Castellaneta, supportati dai militari del comando provinciale di Taranto e dal Nucleo Cinofile di Modugno, nei confronti di altrettante persone accusate a vario titolo di tentata estorsione, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e porto abusivo di armi da sparo. L'operazione è stata denominata "Latentia" perché prende il nome dall'antico abitato di Laterza.


    I fatti sono avvenuti tra il territorio laertino e Ginosa.


    Telefonata estorsiva ai danni di una mamma di una persona scomparsa


    L'indagine dei Carabinieri parte da un bruttissimo episodio verificatosi nel gennaio 2019: la madre 84enne di Saverio Sansolino, un uomo scomparso nel nulla il 7 novembre del 2014, riceve una telefonata: l'interlocutore riferisce che il figlio aveva contratto un debito prima della sparizione e che lei avrebbe dovuto sborsare una cifra consistente. In caso contrario, avrebbero proceduto con atti ritorsivi nei confronti dei nipoti. La donna, come sottolineato in conferenza stampa dal comandante del comando provinciale di Taranto, Luca Steffensen, non si lascia spaventare e contatta i Carabinieri per denunciare l'accaduto.


    I Carabinieri di Laterza danno vita ad un accertamento e scoprono che la telefonata parte da una cabina telefonica di Ginosa. Le due persone che si rendono protagoniste di questa chiamata estorsiva sono successivamente identificate.


    Scoperta successivamente una piazza di spaccio


    Indagando sulla vita dell'uomo che aveva effettuato la telefonata alla mamma di Sansolino, i militari accertano che lui è una figura importante a Laterza per lo spaccio di sostanze stupefacenti come hashish, marijuana e cocaina. Quindi, nell'operazione condotta la notte scorsa sono portati in carcere 4 soggetti, mentre 1 e' finito ai domiciliari ed un altro ha il divieto di avvicinamento ai familiari dello scomparso. Rinvenute e sequestrate anche delle dosi di droga ed una scacciacani priva di tappo rosso.


    Nessuna novità sostanziale sulla sparizione di Saverio Sansolino


    Il comandante Steffensen ha aggiunto che non sono emerse novità sulla persona scomparsa, quindi l'autore della telefonata non avrebbe informazioni su Sansolino. Il comandante ha inoltre ricordato che l'uomo sparito nel nulla è stato cercato anche all'estero, in Albania e Romania per la precisione, ma non ci sono stati particolari riscontri.

    Vota questo articolo
    (3 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati