Domenica, 19 Novembre 2017

    Elezioni, Capriulo sostiene Melucci: sottoscritta un'intesa politica In evidenza

    Dante Capriulo ha ritirato la sua candidatura a sindaco di Taranto per appoggiare quella di Rinaldo Melucci (Pd).

    «Data la frammentazione politica e le forti divisioni venutasi a creare, c'è stato l'appello del Presidente della Regione Michele Emiliano a fare un passo indietro per sostenere il candidato del centrosinistra», ha spiegato Dante Capriulo.
    «La città di Taranto necessita di idee forti per il futuro, comunanza di valori, unità d’intenti, competenza di governo, relazioni forti con le altre istituzioni, consapevolezza delle difficoltà». Motivo per cui, Capriulo ha deciso di unire il suo percorso a quello del candidato sindaco del Pd, Rinaldo Melucci.
    È stata dunque sottoscritta, tra Emiliano, Melucci e Capriulo, un'intesa politico programmatica, «dato il recente passato non tanto tranquillo con alcuni soggetti dell'alleanza. - ha precisato Capriulo- E abbiamo avuto garanzie sul rispetto di alcune questioni fondamentali. - ha detto Capriulo- Taranto ha bisogno di relazioni forti anche con le altre istituzioni».

    Il programma
    1.Discontinuità con il metodo di governo del passato (fondato sull’uomo solo al comando), con la sostituzione della pratica faticosa della partecipazione del consiglio comunale, dei cittadini (anche in forma organizzata nei quartieri) e delle associazioni rappresentative.
    2. Tutte le azioni amministrative saranno improntate al massimo della trasparenza e della legalità; lotta costante al degrado urbano ed all’abusivismo diffuso;
    3. Elaborazione ed approvazione di un piano strategico sul futuro della città ( entro 6 mesi max) che traguardi un'idea di multi-attrattività della città, con all’interno un piano per il lavoro; (per le proposte di visione si rimanda integralmente al programma allegato)
    4. Attenzione particolare alle politiche giovanili e per una città a misura di bambini;
    5. Impegno sull’ambiente e sulla salute (a partire dalla vicenda Ilva e grande industria) con capacità di esercitare appieno le competenze del Sindaco (autorità sanitaria locale) ed i poteri autorizzativi comunali; tutte le attività produttive dovranno produrre solo nel rispetto della salute, della vita e dell’ambiente, dovendo innovare tecnologie e cicli produttivi se questo necessario; il comune si attiverà per esercitare le più innovative forme di controllo ad iniziare dalla richiesta di applicazione della V.I.I.A.S.:
    6. Politiche Urbanistiche chiari e forti che prevedano lo stop ad ulteriore consumo di suolo (espansione) e deciso impegno al recupero ed alla rigenerazione;
    7. Rafforzamento dell’impegno sulla Formazione e sull’Università;
    8. Realizzazione di una città Smart City, vivibile e sicura;
    9. Interventi importanti nella periferia (in primis completamento dei servizi primari nelle zone di Talsano, Lama, San Vito, Solito Corvisea, Lido Azzurro, etc.);
    10. Riorganizzazione profonda delle società partecipate (AMIU, AMAT, etc,) per fornire servizi efficienti ai cittadini in primis su pulizia, decoro urbano e mobilità;
    11. Deciso risanamento amministrativo della macchina comunale, rimotivando il personale e riorganizzando gli uffici, con il completamento di quello finanziario con la chiusura del dissesto finanziario; sottoscrizione di un nuovo patto per le relazioni sindacali.
    12. Valorizzazione del Patrimonio Comunale, lotta ad ogni forma di abusivismo;
    13. Sostegno al piccolo commercio quale elemento sociale della città;
    14. Tassazione locale più equa e giusta, con la riduzione per quelle più esose e politiche di scopo.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati