Sabato, 26 Maggio 2018

    1 novembre, Genitori tarantini: «commemoriamo i nostri morti davanti allo stabilimento Ilva»

    Il comitato “Genitori tarantini” invita l’intera cittadinanza a partecipare, dalle ore 16,00 del giorno 1 Novembre 2017, alla veglia di raccoglimento che si terrà nello spazio attiguo alla portineria D dello stabilimento Ilva «al fine di commemorare le tragiche morti che hanno falcidiato in tutti questi anni le famiglie e gli affetti di chi, operaio o semplice cittadino, vive a stretto contatto con questa macchina dagli effetti mortali».

    Sarà occasione, dicono i Genitori tarantini, «per testimoniare, in assordante e rispettoso silenzio, tutte le vittime innocenti che questa insopportabile ed insostenibile fabbrica ha mietuto e continua a mietere. Sarà occasione per tutti – aggiungono- di rivolgere un commosso pensiero a chi continua a morire lasciando alle proprie spalle strazio e disperazione. Le vittime di questo olocausto rivendicano giustizia. Esigono giustizia le mamme ed i papà che contro natura vedono evaporare le innocenti vite dei loro figli immaturamente rapiti alla vita».
    È con questi sentimenti di tristezza che il Comitato invita a partecipare «tutte le Associazioni che hanno intrapreso con noi questa battaglia unitaria di dignità e rivendicazione, gli operai che sentono di voler condividere questa lotta di civiltà, le famiglie, i sindacati che si sono uniti al nostro percorso, semplici cittadini e tutti coloro che vorranno testimoniare con un gesto di solidarietà». Ognuno potrà portare dei lumini «per disporli a memoria di questo insano genocidio affinché la fiammella di ciascuno di questi cari scomparsi rappresenti un barlume di speranza di vita e riscatto per questo popolo e questa terra terribilmente martoriati», conclude il Comitato.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    Ultima modifica il Lunedì, 30 Ottobre 2017 10:22
    ibl_new.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    ibl_new.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati