Giovedì, 18 Ottobre 2018

    Ilva, approfondimenti in corso. Probabile vertice il 20 agosto In evidenza

    Arcelor Mittal e il ministero dello Sviluppo economico avvieranno in questi giorni un approfondimento sul piano occupazione relativo all'Ilva in seguito al quale il ministro Di Maio potrebbe riconvocare di nuovo le parti dopo il 20 agosto.

    Ci dovranno però essere elementi concreti per indurre Di Maio ad affrontare un nuovo round di trattative. Al termine dell’incontro di giovedì ha detto forte e chiaro che Mittal avrebbe dovuto “battere un colpo”. Che tradotto significa: abbandonare la casella di partenza, ovvero quella garantita dal contratto di fitto dei rami d’azienda dell’Ilva, e garantire un maggior numero di occupati. In altre parole, ha invitato la multinazionale a superare quanto concordato con l'ex ministro Carlo Calenda, ovvero quota 10 mila assunti da parte di Am Investco.

    Ma sul tavolo ci sono altri nodi. Durante il vertice di lunedì sono infatti emersi altri aspetti controversi: in primo luogo la dotazione dei 200 milioni di euro annunciati da Calenda per favorire gli esodi agevolati e incentivati e diminuire in modo non traumatico il personale attualmente in forza all’Ilva. Ebbene, tali risorse non esistono come dotazione del Governo che non può mettere soldi in questo campo se non violando le regole europee. E siccome i rappresentanti di Arcelor Mittal hanno posto una specifica domanda sul tema per sapere se il Governo intenda o meno finanziare le uscite volontarie dallo stabilimento, si e' appreso che, in realtà, questi soldi sono dell'amministrazione straordinaria. Amministrazione che, tuttavia, opera con risorse rivenienti dal sequestro ai Riva, ma che possono essere utilizzate solo ai fini del risanamento ambientale, e con i prestiti ponte elargiti dalle banche.

    Sbrogliare la matassa non sarà semplice. E se al 20 di agosto non saranno stati fatti passi in avanti, come è lecito aspettarsi data la rigidità dimostrata in questi mesi da Arcelor Mittal, il rischio è che il 15 di settembre possa trasformarsi in un salto nel buio di cui si faticano a capire tutte le conseguenze.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati