Domenica, 08 Dicembre 2019

    Il Miur rilascia il nulla osta: corso di Medicina può riprendere a Taranto In evidenza

    Il corso di Medicina a Taranto presso la Cittadella della Carità può riprendere. A darne notizia è il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alla programmazione economica e investimenti, il senatore ionico Mario Turco.

    Secondo quanto riferito dal parlamentare, “il Miur dopo un’attenta analisi, alla quale ho partecipato unitamente al Magnifico Rettore dell’Università di Bari, al sindaco di Taranto, e agli assessori regionali Borraccino e Leo, ha deciso di rilasciare il nulla osta per la continuazione delle lezioni nella sede di Taranto. Ringrazio il Miur e soprattutto il ministro, Lorenzo Fioramonti, per la disponibilità dimostrata e per aver voluto celermente risolvere una vicenda spinosa, e ovviamente ringrazio tutte le parti che si sono da subito attivate per raggiungere un risultato favorevole per il territorio di Taranto”.


    Poco prima il sindaco Rinaldo Melucci aveva diramato una nota nella quale aveva annunciato che “non ci sono motivi ostativi al canale formativo in Medicina a Taranto”. Il primo cittadino ionico, presente durante l’incontro al Miur, aveva manifestato gioia per la buona notizia: “La questione era di per sè complessa e ne andavano legittimamente chiariti tutti i termini. Il canale formativo in Medicina a Taranto resta una realtà e oggi siamo molto soddisfatti, continueremo a lavorare sulla specificità di Taranto e a spenderci senza riserve per la creazione di un polo di eccellenza della sanità e della ricerca ionica”.


    Soddisfatto anche il consigliere regionale de ‘La Puglia con Emiliano’, Giuseppe Turco: “Taranto continuerà la sua attività didattica in Medicina e Chirurgia. A dimostrazione che il governo regionale ha lottato sino alla fine, arrivando sino a Roma per non infrangere un sogno inseguito così a lungo. Dopo le amarezze dei giorni scorsi, oggi sono davvero felice perché riconoscere l’esistenza di questo nuovo corso di laurea, significa davvero voler mettere al centro il bene e lo sviluppo dell’intera provincia di Taranto. E lo dico soprattutto in qualità di medico. Ora non si perda altro tempo e ci si metta subito al lavoro per colmare quelle iniziali criticità logistiche e strutturali sollevate dagli studenti e dalle famiglie. Noi come Regione Puglia saremo sempre disponibili ad ascoltare ogni loro richiesta”.

    In merito alla riapertura imminente del corso ha espresso la sua felicità anche l’arcivescovo di Taranto, mons. Filippo Santoro: “Apprendo con soddisfazione che il lavoro congiunto degli enti che hanno a cuore il destino di Taranto sta producendo i risultati sperati. La Facoltà di chirurgia e medicina a Taranto viene a costruire nuove opportunità per i nostri ragazzi e per il territorio. L’unità di intenti, la concertazione, diventino consuetudine al fine di raggiungere nuovi obiettivi così come avvenuto in questa circostanza, occasione anche questa nella quale ancora una volta mi preme ribadire la volontà di questa arcidiocesi a mantenere aperte le porte per la crescita culturale, sociale e umana della nostra città”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati