Sabato, 28 Marzo 2020
    Altre notizie

    Altre notizie (117)

    Quest’oggi, la giunta comunale svoltasi in video conferenza ha approvato un provvedimento con cui si dà avvio alla procedura di selezione per soli titoli di educatrici/educatori per la formazione di una graduatoria di personale idoneo a supplire alla mancanza di personale.

    “COVID 19 - diamo respiro alla sanità tarantina” è la campagna di raccolta fondi dell’associazione “Amiche per Taranto” che mira ad acquistare apparecchiature utili per l’Ospedale Moscati, Hub di riferimento della ASL Taranto.

    L’Accademia Musicale Arthemis partecipa alla campagna di sensibilizzazione #IORESTOACASA bandita dal Ministero della Salute per contrastare la diffusione del virus Covid-19. 

    Diramata un’allerta arancione per vento a Taranto. Durerà da oggi- mercoledì 25 marzo, fino alle successive 40-46 ore. Gialla invece l’allerta idrogeologica e per temporali.

    Il decreto legge 17 marzo 2020 “Cura Italia” lascia insoddisfatti i commercialisti e gli esperti contabili, come si legge in una nota a firma del presidente Cosimo Damiano Latorre:

    Video-letture gratuite e laboratori online per bambini. Accade anche questo ai tempi del Coronavirus.  Roberta Ursi e Francesca Pizzo, proprietarie della libreria per bambini “Ciurma” in via Regina Elena, raccontano così la loro esperienza:

    L’inverno caldo fa piangere l’agricoltura ionica, le colture sono a rischio e le aziende agricole e quelle zootecniche sono costrette a sobbarcarsi spese aggiuntive per sopperire alla scarsità d’acqua. La rottura di una tubatura del Consorzio di bonifica Terre d’Apulia non fa arrivare acqua in agro di Mottola e qui, come nel resto della provincia ionica, il perdurare della siccità rende sempre più necessaria l’anticipazione dell’irrigazione di soccorso.

    «Gli altri anni abbiamo impegnato Amiu, forze di Polizia Locale e chiesto la collaborazione delle altre forze dell’ordine per contrastare una forma di inciviltà, non perché la tradizione non possa essere mantenuta, ma perché farlo in modo illegale era da sconsiderati e pericoloso per gli altri cittadini».

    L’emergenza coronavirus incide sensibilmente anche sull’attività dello stabilimento siderurgico ArcelorMittal di Taranto. Nell’incontro tra l’azienda e le organizzazioni sindacali si è decisa la riduzione del personale lavorativo a 3.800 unità, quindi meno del 50% dei lavoratori in forza.

     

    Dallo scorso 9 marzo – e dall’11 marzo con più rigore -  tutta l’Italia è costretta a un regime di quarantena dettato da un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, redatto per contrastare il diffondersi del Covid-19, un virus che, purtroppo, potrebbe continuare a diffondersi e causare decessi e gravi stati influenzali.

    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati