Domenica, 25 Agosto 2019
    Redazione

    Redazione

    Polla omaggia il Taranto. Il sindaco e l’assessore allo Sport del Comune campano hanno voluto incontrare la società e la squadra rossoblù per ringraziarli della loro presenza. Queste le parole del primo cittadino Rocco Giuliano: “E’ bello accogliere nei nostri impianti società importanti che si preparano a disputare con profitto la nuova stagione sportiva 2019/2020. Il Taranto è una squadra che unisce tradizione, storia ed ambizione in linea con la nostra attività amministrativa. Poiché il calcio è aggregazione, socializzazione ed amicizia, promuoveremo le amichevoli del Taranto per far confluire tante presenze soprattutto di bambini qui allo stadio comunale Antonio Medici”.

    I lavoratori della Provincia di Taranto sono in stato di agitazione. Ad annunciarlo sono le organizzazioni sindacali Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl. Le principali motivazioni della protesta sono il blocco del pagamento della produttività 2018, il mancato avvio della contrattazione 2019 ed un sistema di valutazione della performance individuale che secondo le sigle sindacali “viola le regole che la governano e si trasforma in uno strumento discrezionale per distribuire risorse senza valorizzare i dipendenti”.

    Inaugurata una nuova sala d’attesa, denominata ‘La luce della speranza’, nell’unità operativa di Oncologia dell’ospedale ‘Moscati’ di Taranto. La stanza dispone di comode sedute, spazi dedicati alla lettura e alla conversazione ed è caratterizzata dalla presenza di murales e pareti tinteggiate con i colori della terra. La sala d’attesa è destinata ai pazienti oncologici, i quali potranno attendere visite e cure in un’area “non ospedaliera”. Lo scopo principale dell’Asl ionica è infatti quello di migliorare l’accoglienza ed il comfort dei malati in un luogo critico e difficile da un punto di vista psicologico.

    Rigettata l’istanza presentata da Ilva in amministrazione straordinaria al fine di effettuare i lavori di messa in sicurezza dell’altoforno 2, sequestrato dalla procura di Taranto dopo che il giudice dell’udienza preliminare Pompeo Carriere aveva respinto l’istanza di dissequestro della stessa Ilva. L’altoforno 2 dovrebbe essere quindi spento secondo il cronoprogramma messo a punto dal custode giudiziario.

    C'è malcontento tra i mitilicoltori tarantini. Malcontento ed impazienza per i troppi ritardi accumulati negli anni. Il rilancio del settore stenta “malgrado i ripetuti incontri e tavoli tecnici - si legge in una nota firmata da diverse associazioni di categoria - dove si erano ipotizzate iniziative di sostegno alla mitilicoltura tarantina, finalizzate al superamento della fase di emergenza sanitaria e calamità naturale e che prevedevano l’avvio di attività di formazione degli operatori, qualificazione e riorganizzazione dei sistemi di produzione e marketing”. 

    Taranto Isola festival è ai nastri di partenza. Stasera ci sarà la prima delle quattro serate che caratterizzano ormai da qualche anno il calendario degli eventi agostani in città. La città vecchia sarà off-limit per le auto. E anche i bus subiranno qualche deviazione.

    “La situazione rischia di arrivare a una condizione ingovernabile e per questo vogliamo sapere cosa intenda fare il Parlamento e questa commissione ma soprattutto quali sono i provvedimenti che il governo metterà in campo per salvaguardare la sicurezza e i livelli occupazionali dello stabilimento di Taranto e la salute dei cittadini all’esterno dell’acciaieria”. Così si è espresso il segretario nazionale della Uilm, Rocco Palombella, durante l'audizione della commissione Industria, commercio e turismo del Senato sulla situazione dello stabilimento ex Ilva di Taranto.

     

    Al quartiere Tamburi, laddove insistono le cosiddette collinette ecologiche, prosegue la posa della rete in fibra di cocco utilizzata per bonificare il terreno. Di questa rete, di cui finora si è solo scritto e parlato, esiste uno scatto fotografico. É del deputato del Movimento 5 Stelle, Giovanni Vianello.

    Un milione e mezzo di euro rivenienti in gran parte da un finanziamento regionale e 360 giorni di lavoro dovrebbero trasformare l'ex masseria Solito - attualmente ridotta ad un rudere - in un polo culturale destinato a rappresentare il vessillo della tarantinità. Il cantiere è stato inaugurato questa mattina alla presenza del sindaco di Taranto, della responsabile della Soprintendenza ai beni archeologici e paesaggistici di Taranto, Brindisi e Lecce, Maria Piccarreta, degli assessori Ressa, Marti e Viggiano, nonché dell'ex titolare della delega all'Urbanistica, l'architetto Ubaldo Occhinegro.

    L’Autorità di sistema portuale del Mar Ionio e il gruppo turco Yilport hanno firmato la concessione che assegna per 49 anni al gruppo turco Yilport il molo polisettoriale. Una banchina di 1900 metri, sottoposta negli ultimi anni a lavori di ammodernamento per circa 70 milioni di euro.

    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati