Martedì, 17 Settembre 2019
    Redazione

    Redazione

    Le aziende dell'indotto Ilva, si sono riunite nelle scorse ore in Confindustria Taranto, per denunciare la situazione di gravissima crisi in cui versano a causa degli ingenti crediti scaduti e non riscossi.

    Anche il consigliere Regionale di Forza Italia Arnaldo Sala è intervenuto durante il Consiglio Regionale monotematico sull'emergenza profughi.

    È immediata la reazione di Legambiente all'azione dei Riva che fanno ricorso contro il Piano Ambientale Ilva.

    Quella dell’emergenza migratoria in Puglia è un tema che ha coinvolto tutte le forze politiche presenti in Consiglio regionale con un dibattito lungo e significativo. Il sindaco di Taranto, Ippazio Stefàno, è stato grato al presidente del Consiglio regionale della Puglia Onofrio Introna, per aver voluto ascoltare la voce di chi tutti i giorni fa i conti con questa emergenza.

    I carabinieri di Taranto e il personale del Monopolio di Stato, sono stati impegnati in un servizio di controllo straordinario che ha interessato l'intera provincia. Impegnate 85 pattuglie e 183 militari per contrastare le attività illecite derivanti dal gioco illegale e dalle scommesse clandestine.

    Come già preannunciato dal presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, si è svolta una seduta consiliare dedicata all'emergenza profughi. Ne ha preso parte anche il sindaco  di Taranto, Ezio Stefàno, mentre il Ministro dell’Interno Angelino Alfano, anche lui invitato a presenziare,  ha comunicato l'impossibilità di portare il suo contributo a causa di altri inderogabili impegni istituzionali.

    L’ASL di Taranto, appresa la notizia dell’arresto per droga, di un infermiere dipendente in servizio presso la Casa Circondariale di Taranto, ha avviato le procedure di rito previste dalle vigenti normative.

    Si sono da poco concluse le indagini degli Agenti della sezione “Falchi” della squadra Mobile della Polizia di Stato, sull'episodio di accoltellamento avvenuto intorno alle 11 di questa mattina nel quartiere Tamburi. Al termine di un lungo interrogatorio la convivente della vittima, Montervino Annarita di 50 anni, è stata arrestata con l'accusa di tentato omicidio.

    Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato dei soci della S.S.D Taranto F.C. 1927 srl, Elisabetta Zelatore e Antonio Bongiovanni

    Il movimento “Stop Tempa Rossa” esprime ancora una volta «stupore nel constatare che il sindaco di Taranto non vuole assumersi la responsabilità di una scelta finalizzata a tutelare la salute di cittadini di cui rappresenta il massimo garante sanitario».

    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati