Martedì, 29 Settembre 2020
    Redazione

    Redazione

    «La pace e la libertà non saranno fermate dagli orrori commessi». Il coordinamento provinciale di "Libera: associazioni, nomi e numeri contro le mafie" fa proprio il messaggio lanciato dalle testate giornalistiche e dai comuni cittadini di tutto il mondo immediatamente dopo la strage compiuta nella redazione del giornale satirico francese "Charlie Hebdo" e le azioni terroristiche attuate alle porte di Parigi.

    Non si fa attendere il commento della Federazione dei Verdi alle dichiarazioni del segretario regionale del Partito Democratico Michele Emiliano, rilasciate al Tg3 Puglia lo scorso 8 gennaio 2015, in merito alla vicenda Ilva.

    Il Decreto Taranto, varato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 24 dicembre, non convince neanche l'eurodeputata del Movimento 5 Stelle Rosa D'Amato. «Il decreto “Salva Ilva” è un colpo letale per Taranto, per la sua popolazione, per l’ambiente, per l’economia dell’area e soprattutto per i lavoratori». Questo infatti il suo commento.

    Nell'agenda del Governo c’è Taranto, ma non la sua agricoltura. Una “dimenticanza” che non è passata inosservata agli occhi del presidente di Confagricoltura Taranto, Luca Lazzàro, che in una lettera inviata ieri al premier Matteo Renzi sottolinea come nel decreto legge salva-Taranto vi sia un deficit di considerazione «per il ruolo del settore agroalimentare all’interno della più ampia partita legata al risanamento ambientale e al rilancio dell’area ionica».

    Proseguono serrati i controlli della Polizia di Stato sul territorio ionico. Solo ieri sera, nel mirino degli agenti sono finiti due circoli privati situati nel quartiere Tamburi.

    Je Suis Charlie. Lo sentiamo pronunciare da giorni e lo vediamo scritto ripetutamente sui social network. È una forma di solidarietà che giunge da tutto il mondo nei confronti delle vittime del giornale satirico parigino “Charlie Hebdo”. Diverse le manifestazioni organizzate in segno di lutto e di vicinanza alla popolazione francese per l'attentato alla redazione del settimanale.

    Due nuovi corsi di laurea presso il Politecnico di Taranto, ossia l’attivazione di Ingegneria Aerospaziale ed il ritorno di Ingegneria Ambientale. Enorme la soddisfazione espressa dal gruppo politico Sds Stefàno.

    Sembrerebbero non lasciare scampo le proiezioni per il 2015 sullo stato di crisi economica strutturale che sconvolge il Paese, la Puglia, con essa il nostro territorio e che determinerà ulteriori ricadute negative sui livelli occupazionali oltre all’impoverimento generalizzato di moltissime altre famiglie. È quanto riferisce Daniela Fumarola, segretario generale Cisl Taranto Brindisi.

    Su espressa indicazione del sindaco Stefàno, il Presidente della Commissione Assetto del Territorio, il consigliere Comunale Emanuele Di Todaro, ha convocato per questa mattina, venerdì 9 gennaio, una riunione con tutti i componenti della Commissione, allargata ai Capigruppo Consiliari, al Dirigente della Direzione Pianificazione urbana, Silvio Rufolo, all’Assessore competente, Cosima Lorusso e al Dirigente Risanamento Città Vecchia, Cosimo Netti.

    Ance Taranto, Sezione Costruttori Edili di Confindustria Taranto, considera il recente decreto Taranto, varato dal consiglio dei Ministri, «davvero necessario per Taranto». Questo il primo giudizio espresso dal Presidente Antonio Marinaro che a nome dei costruttori tarantini interviene sul dibattito in corso sul provvedimento governativo che porta l'area tarantina nella sua giusta rilevanza nazionale.

    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati