Domenica, 25 Agosto 2019
    Redazione

    Redazione

     

    Il Museo archeologico nazionale di Taranto, il MarTa, è ormai proiettato in una dimensione 3.0. Questa mattina è stato infatti presentato un innovativo progetto di digitalizzazione dei reperti. Sono ben 40mila i reperti che verranno messi a disposizione in modalità open data. “È il progetto più importante d’Europa in questo campo, non ne esistono altri in Europa di simili. Per trovarne di simili bisogna guardare ai grandi musei americani - ha spiegato oggi in una conferenza stampa la direttrice del MarTa, Eva Degl’Innocenti. 

    Fim e Uilm non si fidano delle verifiche effettuate sulle gru dello stabilimento ArcelorMittal localizzate al quarto sporgente del porto di Taranto. I dubbi riguardano i controlli effettuati da alcune ditte esterne abilitate. “Non ci fidiamo perché sono le stesse che in precedenza hanno certificato che era tutto ok e poi abbiamo visto come è andata e quello che è accaduto al quarto sporgente”, dichiara Vincenzo Laneve della Fim Cisl di Taranto dopo l’incontro di oggi con l’azienda.

    L'ultimo fronte di scontro tra ArcelorMittal e l'Unione sindacale di base riguarda le tute da lavoro. Secondo il sindacato non ci sono. Stando a quanto riferisce l'azienda sono disponibili in magazzino.

    Lbh Italia, la società marittima che dal 3 giugno scorso opera nel porto di Taranto per conto di ArcelorMittal, passa al contrattacco. Dopo aver letto articoli e comunicati stampa "che mirano - scrive la società - a gettare ombre sulla nostra agenzia marittima" ora annuncia azioni legali a difesa della propria immagine.

    La multinazionale Yilport è in rada e si appresta ad attraccare al porto di Taranto. Una metafora per dire che domani, dopo mesi di annunci, alle 16.00 verrà firmata la concessione con la quale l’Autorita di sistema portuale del Mar Ionio affiderà al gruppo turco il molo polisettoriale. La firma avverrà nel Castello Aragonese, sede di rappresentanza della Marina Militare, alla presenza dei vertici istituzionali locali. 

     

    "ArcelorMittal ha mostrato sin da subito il suo vero volto: quello di una multinazionale venuta a Taranto per trarne semplicemente profitto". La Fiom Cgil di Taranto va all'attacco della multinazionale franco-indiana e chiede la revisione dell'Aia e l'introduzione della Valutazione dell'impatto ambientale e sanitario. E lo fa con una nota di Francesco Brigati, componente della segreteria provinciale del sindacato dei metalmeccanici.

     

    'Torretta mare', isola amministrativa di Taranto incuneata tra i comuni di Pulsano e Lizzano, ben nota agli amanti del mare per le sue spieagge cristalline, è pronta a cambiare nome. D'ora in poi si chiamerà 'Marina di Taranto'. Ma non si tratta di una mera operazione di maquillage.

     

    L’ospedale Moscati di Taranto sarà il secondo nel Mezzogiorno ad avere, dall’inizio del prossimo anno, il macchinario con cui effettuare la tomoterapia. Lo annuncia l’Asl Taranto precisando che “l’apparecchio è unico nel suo genere per la possibilità di irradiare volumi particolarmente estesi come è necessario fare nel trattamento radioterapico dei linfomi e dei mesoteliomi ed in alcune neoplasie pediatriche”. 

     

    CASTELLANETA (Ta) – Da otto anni, l’agosto tarantino brilla per un evento unico nel suo genere. Il 20 agosto, “Masserie sotto le stelle, insieme con la pizzica” celebrerà la sua ottava edizione. L’evento è organizzato da CIA Agricoltori Italiani della Puglia, Area Due Mari (Taranto-Brindisi), in collaborazione con il GAL Luoghi del Mito, Vivi Web Tv e l’Associazione culturale “Gaia” di Castellaneta.

    Fra le azioni messe in campo dall’amministrazione Melucci per la valorizzazione del patrimonio culturale di Taranto, si colloca il progetto, proposto dall’assessore all’urbanistica e mobilità, Augusto Ressa, e approvato nel corso dell’ultima Giunta comunale, che riguarda i tanti manufatti sparsi all’interno delle aree pubbliche, testimoni della storia antica della nostra città.

    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati