Sabato, 14 Dicembre 2019
    Redazione

    Redazione

    Proviene da Greenpeace, Legambiente e Wwf l'urgente richiesta di sbloccare le risorse sequestrate ai Riva per finanziare il Piano di Risanamento Ambientale.

    Questa mattina era pronto a costituirsi parte civile nel processo Ilva anche lo “Sportello dei Diritti”, con la penalista Francesca Conte.

    Si è svolta questa mattina la prima prova scritta degli esami di Stato per l'anno accademico 2013/2014. Solo a Taranto e provincia si contano 5759 studenti, tra interni e privatisti, che sosterranno la maturità. Abbiamo perciò raccolto i commenti a freddo di alcuni di loro a conclusione della prima prova scritta.

    La richiesta presentata nei giorni scorsi dagli avvocati Michele Rossetti e Laura Palomba, legali dell'ex assessore provinciale Michele Conserva, di ricusazione del GUP Vilma Gilli nel processo "Ambiente Svenduto", è stata respinta dalla sezione distaccata di Taranto della Corte d'appello di Lecce.

    A distanza di di quattro mesi, i ragazzi di Officine Tarantine intervengono in merito alla chiusura delle indagini preliminari successivi ai fatti che riguardarono il tentativo di sgombero degli ex baraccamenti Cattolica avvenuto lo scorso 12 febbraio 2014.

    Il neo commissario straordinario Piero Gnudi proprio in queste ore è in visita, per la prima volta da quando ha assunto l'incarico, nello stabilimento Ilva di Taranto. Nominato dal governo la scorsa settimana in sostituzione di Enrico Bondi, Gnudi incontrerà i dirigenti della fabbrica per prendere conoscenza degli impianti, soprattutto in relazione ai lavori di adeguamento all'Aia.

    Capitano di Vascello Massimo Vianello comandante  del 29° gruppo navale. 

    Mons. Santoro segue da vicino le operazioni del quarto sbarco nel giro di due settimane e lancia l'appello a livello nazionale ed europeo

    A seguire le operazioni di sbarco sono giunti anche il sindaco Stefàno e gli assessori del Comune di Taranto, Lonoce, Baio, Scasciamacchia e Zaccheo.

    «L'immigrazione in Puglia e nel Paese è diventata un fenomeno strutturale ma la nostra Regione, andando avanti così, finirà al collasso». Il vice Presidente del Consiglio Regionale pugliese, Nicola Marmo condivide le stesse preoccupazioni dell'assessore Guglielmo Minervini.

    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati