Domenica, 26 Maggio 2019
    Redazione

    Redazione

     

    "È bello vedere che chi governa una città sa apprezzare e far proprie le osservazioni della minoranza, soprattutto se compiute, con spirito costruttivo, nell’esclusivo interesse della comunità". Con queste parole i consiglieri di minoranza Floriana De Gennaro (La Scelta), Massimo Battista (gruppo Misto) e Vincenzo Fornaro (Taranto respira) accolgono la decisione del primo cittadino e della sua ex squadra di governo di riqualificare e ristrutturare i bagni pubblici comunali.

    Il presidente del Taranto, Massimo Giove, crede ancora nel ripescaggio in Serie C nonostante la debacle di Cerignola ed annuncia il sollevamento dall’incarico del tecnico Panarelli: “Chiedo scusa ai tifosi rossoblù, prendiamo atto di aver chiuso malamente la stagione, ma ciò non ci preclude la possibilità di ottenere il ripescaggio. Se avessimo vinto avremmo avuto un punteggio superiore, ma faremo di tutto per provare a salire in C. Ripartiremo con un nuovo progetto tecnico, il percorso di Panarelli termina qui. Prenderemo un nuovo allenatore di spessore che abbia più esperienza e che abbia già vinto qualche trofeo. Bisogna dare una scossa all’ambiente, sia se giocheremo in C sia se resteremo nell’inferno della Serie D. Avremo inoltre anche la figura di un direttore sportivo. Sulla gara posso dire che è stata la peggiore, forse c’era troppa tensione, ma non ho giustificazioni. Si può perdere, ma non con questo scarto. Il Cerignola ha meritato di vincere, non siamo scesi in campo ed oggi non salvo nessuno. La prova è stata davvero brutta – conclude il numero uno ionico -, eravamo fermi ed imbambolati e siamo stati giustamente puniti”.

    Queste le dichiarazioni del presidente del Cerignola, Nicola Grieco: “Faremo di tutto per andare in Serie C e spero ci riuscirà anche il Taranto. In graduatoria siamo secondi, solo il Matelica è davanti a noi, con tutte le difficoltà economiche che ci sono in terza serie abbiamo tante possibilità di farcela. Penso che al 90% giocheremo nei professionisti. Non condivido il pagamento del fondo perduto, ma siamo attrezzati e se ci verrà richiesto lo pagheremo”.

    Il tecnico del Taranto, Gigi Panarelli, appare molto deluso nel post-partita: “Non mi aspettavo un atteggiamento del genere, si può perdere ma non così. Abbiamo rovinato dunque un’intera stagione, tutto ciò che di buono avevamo fatto.

    Il Taranto, dopo aver perso la promozione diretta, perde malamente anche la finale playoff con il Cerignola e le residue speranze di un eventuale ripescaggio in Serie C. Gli ionici disputano una delle più brutte finali playoff della Serie D sia per il risultato finale conseguito che per la prestazione, subendo un umiliante ko per 5-1, ed escono pesantemente sconfitti contro un team gialloblù parso molto forte e determinato. Non hanno sicuramente pagato le decisioni tattiche iniziali di mister Panarelli, con il modulo 3-5-2 e le scelte degli uomini mandati in campo assolutamente inadeguati. Croce è infatti sembrato troppo isolato in avanti, mentre molto male hanno giocato anche Di Senso e Massimo come mezzale. In conclusione la squadra ionica è apparsa sempre lenta, non è praticamente mai entrata in partita dimostrandosi estremamente carente sotto l’aspetto mentale.

    La Regione Puglia sta adottare il piano di razionalizzazione del trasporto pubblico locale cui fa seguito il ricalcolo dei servizi minimi, ma le scelte, per ora solo paventate, non convincono il consigliere comunale di maggioranza Piero Bitetti.

     

    Per il conducente e i passeggeri - una dei quali cardiopatica - dell'auto rimasta in panne sulla statale 7 il transito di una pattuglia della Polizia di Stato deve essere apparso come una benedizione insperata. Ma grazie al soccorso prestato dagli agenti del commissariato di Grottaglie a questa famiglia tutto è andato per il meglio.

    Tre settembre ed ottobre del 2018 la grande paura. Poi il sospiro di sollievo. Parliamo del Bando Periferie del governo Gentiloni, grazie al quale il Comune di Taranto aveva programmato la riqualificazione dell'area ormai nota come 'ex Baraccamenti Cattolica'. Il governo giallo-verde, sul finire dello scorso anno, aveva congelato le risorse, salvo poi sbloccarle dopo un lungo tira e molla con l'Anci, l'associazione dei Comuni italiani.

    Arrestato dopo poche ore l’autore di due rapine in altrettante farmacie, verificatesi stamane. Si tratta di un pluripregiudicato di 37 anni. Alle 11.40 ha provato a compiere una rapina in una farmacia al quartiere Tamburi minacciando il personale dipendente con un coltello. Ha tentato di rompere la cassa automatica gettandola con violenza per terra, ma non è riuscito ad asportare nulla. Dieci minuti dopo, con la stessa modalità di azione, ha cercato di rapinare una farmacia in zona Solito, ma è fuggito perché inseguito da un uomo.

    Strutture realizzate in assenza di titoli edilizi realizzate in aree sottoposte a stringenti vincoli paesaggistici ed idrogeologici. É quanto emerso dalle indagini condotte dalla Guardia Costiera di Taranto in località Morrone-Torretta di pertinenza del Comune di Taranto. Indagini che hanno condotto al sequestro di uno stabilimento balneare di 2mila metri quadrati e alla denuncia nei confronti dei dirigenti e dei funzionari comunali preposti al rilascio delle autorizzazioni.

     Sono 26 i residenti in provincia di Taranto finiti nel mirino della Polstrada in relazione ad un presunto giro di falsi incidenti stradali. Per tutti l'accusa è quella di truffa ai danni delle compagnie assicurative Allianz Spa, Genyalloyd e Aviva.

    banner_igenia.jpg
    engineering.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati