Martedì, 19 Marzo 2019
    Redazione

    Redazione

    "È finalmente giunto all’amministrazione comunale un riscontro da Arpa Puglia, in relazione alla vicenda delle cosiddette “collinette ecologiche” dell’ex Ilva, attualmente sotto sequestro", ma non fornisce riscontri inequivocabili. Lo afferma l'amministrazione comunale di Taranto che fa sapere di voler interpellare la Asl per ottenere informazioni "meno indeterminate".

     

    L'annuncio era arrivato a giugno dell'anno scorso con la sottoscrizione di un protocollo d'intesa tra Comune ed Enel X Mobility. In questi giorni è però arrivato il via libera definitivo della Giunta comunale. Parliamo delle colonnine per ricaricare le auto elettriche. Saranno 24 in tutto e verranno dislocate in vari punti della città.

    Dopo l’accordo con Eni per la sperimentazione dell’utilizzo del biodiesel sui mezzi di Amat e Amiu, questa iniziativa sancisce ulteriormente le intenzioni dell’amministrazione di favorire la mobilità sostenibile. «La proposta di Enel ci è parsa immediatamente meritevole di valutazione – ha spiegato il sindaco Rinaldo Melucci –, per questo abbiamo fatto in modo che si potesse renderla efficace nel più breve tempo possibile. Guardiamo a questo progetto con grande speranza, perché pensiamo che il traporto pubblico locale, ma anche le flotte delle altre nostre partecipate e di alcuni privati, possano trarre un enorme vantaggio in termini economici, restituendo alla collettività benefici in termini di minori emissioni e inquinamento acustico.

    Ma vediamo dove saranno posizionate. Secondo quanto riferisce l'amministrazione comunale, ogni zona della città, anche in funzione della densità abitativa, avrà la sua stazione di ricarica: 4 ne verranno installate tra quartiere Tamburi e Porta Napoli, 2 nell’Isola Madre, 1 a San Vito, altre 2 a Talsano e le restanti 15 tra Ponte Girevole e viale Unicef.

    «Questo intervento sarà a costo zero per il Comune – ha spiegato l’assessore ai Lavori Pubblici Massimiliano Motolese –, ma quel che ci interessa maggiormente è che ci consentirà di inserirci nel solco tracciato da diverse disposizioni di matrice europea, che spingono gli stati membri a investire sulle reti infrastrutturali di rifornimento, con particolare attenzione per i combustibili alternativi come l’energia elettrica. In questo modo spingiamo la nostra città a essere realmente contemporanea: vedere veicoli elettrici per le nostre strade, infatti, è sempre più usuale. Governare questo cambiamento è un compito per noi imprescindibile».

    Il Comune di Taranto cerca di sponsor per riqualificare le aree urbane e gli spazi per il tempo libero. Lo annuncia in nota ufficiale, precisando che "i contratti di sponsorizzazione, già previsti da norme risalenti - in particolare il testo unico degli enti locali - e ripresi recentemente dal rinnovato codice degli appalti, operano a vantaggio della collettività rispettando alcune condizioni: devono perseguire un interesse pubblico, non vi devono essere conflitti di interesse tra le attività svolte dal privato e l’intervento pubblico sponsorizzato, deve essere conseguito un risparmio".

    I commercianti tarantini possono tirare un parziale sospiro di sollievo. Grazie alle molte segnalazioni giunte alla direzione comunale competente in materia di tributi e gestione delle entrate, il Comune di Taranto ha prorogato la scadenza per il pagamento della Tosap, la tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche e l'imposta sulla pubblicità per l’anno 2019.

    Una frode fiscale da oltre 13 milioni di euro, ricavi sottratti a tassazione per un totale di 15 milioni di euro ed un’I.V.A. evasa per 3 milioni e 260 mila euro. É quanto i militari delle Fiamme Gialle hanno contestato ai titolari di tre aziende del settore della distribuzione attive nelle province di Taranto, Bari e Napoli.

    Con la determina numero 73 del 18 gennaio 2019, a firma del dirigente Cosimo Netti, sono stati affidati all’Impresa Costruzioni Edili di Santo Bolognino gli interventi di somma urgenza da effettuare in diversi istituti scolastici di Taranto, al fine di “preservare e salvaguardare il patrimonio comunale, nonché di tutelare l’incolumità e la salute dell’utenza scolastica (docenti e alunni) e del personale che opera giornalmente all’interno delle scuole, rimuovendo le cause che hanno provocato le criticità”. Il Comune fa notare che in caso di mancato pronto intervento, sarebbe stato a serio rischio il regolare svolgimento delle attività didattiche. Nei lavori in questione non può intervenire l’Amiu, il quale ha competenza esclusivamente nei lavori di ordinaria manutenzione degli edifici scolastici. La spesa complessiva degli interventi ammonta a 51.179 euro, di cui 39.950 euro da sborsare per i lavori in questione e 11.229 euro per le somme a disposizione dell’amministrazione (2.000 euro per lavori in economia non previsti e 9.229 euro di Iva al 22%).

    Nonostante avesse un divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dall’ex convivente, continuava a mettere in pratica atti persecutori. Con questa accusa un 51enne di Taranto è stato arrestato dai Carabinieri per le numerose violazioni riscontrate.

    Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, ha partecipato ai lavori dell’assemblea degli addetti del settore portuale che aderiscono alla Cisl. Nell’occasione il primo cittadino si è soffermato sui progressi compiuti per rendere più attrattivo e competitivo lo scalo tarantino. Ciò favorirebbe anche la riqualificazione ed il reintegro di molti addetti, rivitalizzando l’indotto che operava in passato sul molo polisettoriale.

    Aveva trasformato la sua casa in uno shop della droga. É questa la conclusione cui sono giunti i Falchi della Squadra Mobile che ieri sera hanno tratto in arresto un quarantenne tarantino con l'accusa di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanza stupefacente.

    Il progetto L.E.I.L.A., acronimo di Legalità, Educazione, Integrazione, Lavoro, Associazionismo, di cui il Comune di Taranto è il capofila, sta per entrare nel vivo, ovvero nella sua fase operativa. A comunicarlo è l'assessore al Welfare del Comune di Taranto, Simona Scarpati, la quale precisa che le azioni progettuali di prossima attivazione "riguardano laboratori artigianali, educativi, artistici e di formazione professionale per attività di assistenza familiare".

    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati