Giovedì, 24 Maggio 2018
    Redazione

    Redazione

     Cercavano l’autore di un furto d’auto ed hanno trovato una pistola semiautomatica scacciacani calibro 8 modificata e perfettamente funzionante completa di caricatore con sei proiettili calibro 7,65.

    Vivevano stipati in un casolare alle porte di Castellaneta i 15 immigrati africani impiegati nelle campagne del materano per la raccolta delle fragole.

    La ricostruzione di uno tra gli esponenti del Partito Democratico più vicino, almeno politicamente, al sindaco è la seguente: Melucci è sotto ricatto. A sintetizzare così l’attuale fase politica è Davide De Fazio che in una nota stampa attacca il Partito Socialista, ovvero uno dei primi soggetti politici che in campagna elettorale sostenne la candidatura dell’attuale primo cittadino.

    “Il 118 sta trasportando i pazienti in codice verde al pronto soccorso dell'ospedale di Martina Franca, anziché di Taranto a causa del sovraffollamento dei reparti del S.S. Annunziata”.

    Niente bevande servite in bottiglie di vetro o lattine di alluminio. Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, ha emanato l’ordinanza con la quale vieta la somministrazione delle bevande che non siano vendute all’interno di contenitori di plastica o a perdere in occasione del concerto del Primo Maggio tarantino. Non solo. Non potranno posizionare i propri chioschi nei pressi del palco i venditori ambulanti.

    Il museo ipogeo spartano effettuerà un’apertura straordinaria mercoledì 25 aprile. A promuovere la conoscenza della Taranto sotterranea, in questo caso, è l’associazione Filonide che accompagnerà i visitatori alla scoperta di stanze e cunicoli che dalla ringhiera della città vecchia, in molti casi, conducono sino al mare.

    In quell’isolato un tempo polmone verde e sportivo, tra cemento e traffico, ormai avviene di tutto. Parliamo del centro Magna Grecia divenuto il luna park dei vandali; il luogo dove sperimentare indisturbati le peggiori bravate. Sembra essere diventato un’isola dove le regole mostrano la propria assenza e tutto è permesso.

     

    Il Taranto  schianta il Manfredonia battendolo per otto reti ad uno al termine di una partita spettacolare dei rossoblù.

     

    Dopo il colpo aveva messo la refurtiva su Facebook allo scopo di venderla, ma la proprietaria ha riconosciuto gli oggetti e lo ha denunciato. Ad incastrarlo ci hanno pensato invece le indagini condotte dalla Polizia di Stato. Così un 38enne è stato denunciato alla procura della Repubblica.

    “I lavori del progetto Tempa Rossa, che interessano l'area della raffineria Eni di Taranto, avvengono sopra una falda notevolmente inquinata”. Non usa mezzi termini Luciano Manna, storico attivista dell’associazione ambientalista Peacelink che, all’indomani della stipula del protocollo di intesa tra il Comune di Taranto e la joint venture guidata da Total, torna a mostrare un dossier già prodotto a febbraio di quest’anno.

    ibl_new.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    ibl_new.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati