Mercoledì, 26 Settembre 2018

    “Violini per Telethon”: riparte la raccolta fondi della Bnl

    By Marco RUFFO Dicembre 13, 2017 641

    La Bnl e Telethon. Un binomio indissolubile che anche quest’anno ha dimostrato la propria vitalità ed il comune interesse nel finanziare la ricerca sulle malattie rare.

    Ieri sera si è tenuta la prima di una serie di iniziative volute ed organizzate dall’agenzia di Lama della Bnl. Protagonisti alcuni giovani musicisti tarantini che si sono esibiti presso la sala degli specchi del Comune di Taranto, messa a disposizione, per l’occasione, dell’amministrazione locale.

    “Violini per Telethon” è stato il nome dato all’iniziativa. Un vero e proprio viaggio nella storia della musica compiuto grazie a 4 quattro violinisti di età compresa tra il 16 e i 18 anni. Da Mozart a Bach, da Schostakovic a Mercer, senza tralasciare alcune incursioni nella musica pop dei Coldplay e nella colonna sonora de “Il postino”, il programma presentato all’auditorio è stato vario ed articolato, ma sempre eseguito con precisione e sentimento dai giovani allievi del conservatorio Giovanni Paisiello.

    Il concerto, ad ingresso gratuito, ha rappresentato un’ottima occasione per inaugurare, a Taranto, la raccolta fondi per Telethon che proseguirà sabato 16 dicembre. Un’intera giornata dedicata alla sensibilizzazione nei confronti delle malattie rare della ricerca medico-scientifica. Presso l’agenzia 5 della Bnl, diretta dalla dottoressa Antonella Fico - e con la collaborazione della dottoressa Marisa Damasi -, verrà riproposta, al mattino, un’iniziativa molto partecipata ed attesa dai correntisti, ovvero il concorso “Torta generosa” che quest’anno giunge alla sua quarta edizione. Mentre nel pomeriggio si prevede un torneo di burraco il cui ricavato verrà devoluto alla fondazione Telethon.

    Come ha ricordato ai nostri microfoni la dottoressa Fico, in questi anni Telethon ha ottenuto rimarchevoli risultati. “Sono oltre 20 le malattie per le quali la ricerca ha individuato strategie terapeutiche promettenti. Tra i risultati più importanti c’è  il successo della terapia genica nei confronti di alcune gravi malattie che colpiscono i più piccoli. Inoltre sono stati finanziati oltre 2.600 progetti di ricerca, ci sono 1.600 ricercatori coinvolti nel progetto che hanno indagato 571 malattie genetiche rare. Per questo, da 26 anni, la Bnl con 20 mila colleghi partecipa a questa iniziativa”. “A Napoli – ha aggiunto la direttrice dell’agenzia -, grazie alla generosità dei donatori, l’istituto Telethon ha inoltre dato vita al Tigem, un centro all’avanguardia situato nell’ex Olivetti di Pozzuoli”. 

    Come ha tenuto a sottolineare la dottoressa Damasi: “I bilanci relativi alla raccolta fondi per Telethon sono pubblici e quindi trasparenti. Ciascuno, qualora lo volesse, può consultarli liberamente. Questo è un elemento di orgoglio per la nostra banca e deve essere un elemento di garanzia per coloro che aderiscono alla raccolta fondi”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    menu_alfredo.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati