Lunedì, 10 Dicembre 2018

    Torna l’appuntamento coi Riti, ecco le novità

    Foto di repertorio Foto di repertorio Foto Studio Renato Ingenito

    La tradizione è tradizione, quindi niente stravolgimenti. Solo qualche piccola modifica al percorso delle poste.

    Il giovedì santo per i tarantini significa due cose: in primo luogo, la visita ai sepolcri allestiti in tutte le chiese della città; la seconda è l’uscita della Madonna da san Domenico.

    Il primo appuntamento, come sempre, avrà inizio alle 15 con l’uscita dei “perdoni” dalla chiesa del Carmine. I percorsi sono due e portano ancora i loro antichi nomi. Così, i confratelli che escono dal portone di piazza Giovanni XXIII° si incamminano verso il borgo antico che originariamente era l’unico insediamento urbano degno di tale nome. Per questo le poste che si dirigono verso l’isola sono dette “di città”.

    La prima chiesa che verrà toccata dai perdoni non sarà però quella di san Cataldo, bensì il tempio di san Domenico. I confratelli si dirigeranno quindi verso via Garibaldi, percorrendola tutta sino a piazza Fontana. Da lì, l’arrivo a san Domenico. Solo successivamente faranno tappa nella Cattedrale e da lì giungeranno nella chiesa di San Giuseppe.

    Le 27 che invece escono da via Giovinazzi fanno il giro di quella che un tempo era una periferia scarsamente popolata, ovvero il borgo umbertino il cui sviluppo si avrà solo con l’arrivo dell’arsenale militare. In ragione di questo fatto, le coppie di perdoni vengono definite poste “di campagna”. Le coppie di perdoni visiteranno gli altari della reposizione predisposti nelle chiese di san Pasquale, del santissimo Crocifisso e di san Francesco da Paola.

    Tramite questo antico rito si entrerà nel clima spirituale del triduo pasquale. Con l’uscita dell’Addolorata dalla chiesa di san Domenico, intorno alla mezzanotte, avrà poi inizio il pellegrinaggio di Maria in cerca del figlio. La processione attraverserà la città vecchia, supererà il ponte girevole, farà tappa presso le suore di piazza Immacolata e poi rientrerà nel borgo antico.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati