Martedì, 19 Marzo 2019

    MOTTOLA: Rievocazione storica di S. Tommaso Becket

    La festa medievale ha chiuso i festeggiamenti, a Mottola, in onore di San Tommaso Becket. Per tre giorni, la cittadina in provincia di Taranto ha rafforzato la sua devozione al santo patrono con una serie di iniziative. Sabato sera la chiusura, alla presenza del sindaco Giampiero Barulli, del presidente della Provincia di Taranto Giovanni Gugliotti, del vescovo di Castellaneta mons. Claudio Maniago e dell’arciprete della Chiesa Matrice don Sario Chiarelli.

    Prima lo show di acrobati aerei, trampolieri luminosi, ballerini nelle sfere e poi la tradizionale cerimonia di consegna delle chiavi al Santo Patrono e la celebrazione eucaristica.

    Nel centro storico, allestimenti a tema e mercatino di artigianato artistico e hobbisti. Alcuni ristoratori, invece, hanno realizzato dei menu a tema tipicamente medievale. E poi visite guidate in paese e nelle suggestive Grotte di Dio e intrattenimento con l’azione scenica dedicata proprio all’arcivescovo di Canterbury. Nella Chiesa Madre Santa Maria Assunta lo spettacolo di teatro, danza, musica, videoproiezioni e videomapping che ha raccontato il martirio di San Tommaso Becket con la regia di Antonio Minelli e l’allestimento Full Service di Luigi Nardelli. Protagonista la compagnia Formediterre e la Scuola attoriale multidisciplinare MuDi.

    L’iniziativa è stata promossa dall’associazione “Gli Araldi di San Tommaso Becket” e dall’Ufficio Infopoint Mottola- gestito dall’associazione “Terre Nostre”- in collaborazione con Chiesa Santa Maria dell’Assunta e Comune di Mottola. Ringraziamenti all’associazione “Mottola, la città del gusto”, VHE20, Media Terrae e LibriAMOci.

     

     Riprese e montaggio OMEGA NEWS

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati