Sabato, 14 Dicembre 2019

    Per la prima volta a Taranto l'opera-omaggio ad Alessandro Leogrande 

     

    Per il progetto “Via Leogrande”, domani, martedì 26 novembre, alle ore 21 al TaTÀ di Taranto, in via Deledda ai Tamburi, va in scena “Katër i Radës. Il naufragio”, opera da camera - commissione La Biennale di Venezia, musica Admir Shkurtaj, libretto Alessandro Leogrande (dal romanzo-reportage "Il naufragio", Feltrinelli 2011), regia Salvatore Tramacere, direzione Admir Shkurtaj, coproduzione La Biennale di Venezia / Koreja.

    Durata 50 minuti. Posto unico 10 euro. Per informazioni:  099.4725780 - 366.3473430.«Katër i Radës non vuole essere semplicemente un’opera della memoria. È piuttosto il tentativo - attraverso la musica - di liberare l’universo umano di chi è andato incontro a una delle tante tragedie del Mediterraneo», scriveva Leogrande, deceduto prematuramente nel 2017. «Nell’atto unico si affollano sommersi e salvati, chi è sopravvissuto e chi è scomparso, le loro voci, i loro pensieri, e soprattutto il loro viaggio verso il buio, pieno di grandi ansie e piccoli desideri, sogni e paure, digressioni, apparizioni, improvvise rammemorazioni». 

     

    L'opera

    Era il Venerdì Santo del 1997 quando la piccola motovedetta Katër i Radës, carica di 120 migranti in fuga dall’Albania, scomparve nelle acque del Canale d’Otranto. 81 i morti, di cui molti non avevano nemmeno 16 anni. Fuggivano da un Paese che si era lasciato alle spalle un regime claustrofobico solo per precipitare nella crisi economica e in una sorta di guerra civile. Sognavano l’Italia. Italia che eresse un “muro” in quel lembo di mare, inviando la Marina Militare in operazioni di dissuasione e respingimento. Attraverso questa vicenda-simbolo Leogrande recupera la funzione originaria della scena, luogo in cui il pubblico, invitato a salire in palcoscenico per assistere allo spettacolo, è faccia a faccia con la vena oscura della società. 

     

    A Taranto per la prima volta

    La presentazione dell’opera - per la prima volta a Taranto, città natale di Alessandro Leogrande - è parte del progetto “Via Leogrande”, a cura della cooperativa teatrale Crest, d’intesa con Teatro Koreja, Libreria Dickens e Casa del Libro di Raffaele Mandese, sostenuto dal Fondo Speciale per la Cultura della Regione Puglia e con il patrocinio morale del Comune di Taranto. Uno strumento concreto per approfondire il pensiero artistico, politico e sociale di Alessandro Leogrande, a due anni dalla sua morte, attraverso un percorso di promozione e di formazione intorno alla lettura, mettendo in relazione sinergica la scuola e la biblioteca, le librerie e gli autori, il teatro e la letteratura. 

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati