Venerdì, 05 Marzo 2021

    Presentato il Tour Virtuale 3D del MArTA

    Presentato dalla direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Taranto Eva Degl’Innocenti il Tour Virtuale 3D: da oggi fruibile direttamente sulla pagina web del MArTA.


    Realizzato con una tecnologia leader nell’ambito dei percorsi virtuali in 3D, questo tour posiziona il MArTA tra i musei più all’avanguardia del mondo con una vetrina che mette a disposizione dell’utenza l’intero suo patrimonio.

    Oltre 6mila metri quadri visitabili

    Una esperienza immersiva (che è possibile realizzare anche con i visori virtuali), interattiva e personalizzabile che condurrà il visitatore negli oltre 6mila metri quadri del Museo (e non solo parzialmente come normalmente fanno gli altri Musei) e in un viaggio a ritroso nel tempo di oltre ventimila anni.
    Grazie a questa tecnologia si può mostrare lo spazio ricostruito in 3D in modo facile e veloce, direttamente a distanza, con un computer, smartphone o tablet.

    LA DEMO

     Il MArTA riparte dalle persone

    “L’ex Convento degli Alcantarini sede del nostro museo diventa una casa di vetro – dice Eva Degl’Innocenti – e mettiamo in connessione i bit e gli atomi, il virtuale e il reale, non dimenticando mai che tutto questo patrimonio per continuare ad essere valore ha bisogno di gambe di uomini e donne su cui poter continuare a camminare e produrre anche benessere sociale ed economico”.
    Si riparte dalle persone, quelle sollecitate a diventare nei giorni scorsi veri e propri ambasciatori del MArTA, attraverso la call to action #ilmartasonoio.
    Nella demo ci sono esponenti del mondo della ricerca, della cultura, lavoratori edili, commesse, mitilicoltori, ma anche tanti bambini.
    “Questa call to action mette in relazione i principi cardine su cui da sempre si muove il MArTA – dice la direttrice – studio, ricerca, educazione, tutela e valorizzazione, ma anche un luogo in cui promuovere lo spazio culturale come un luogo di dialogo continuo con le comunità: quelle locali, ma anche quelle dell’altra parte del mondo”.

    Un nuovo modello di sviluppo per la città

    Fare co-creazione ed essere fonti di ispirazione in una città del Sud, nel cuore del Mediterraneo, che riprogetta il suo futuro economico anche ambendo al titolo di Capitale della Cultura.
    “Un valore che può essere humus su cui far germogliare un nuovo modello di sviluppo – spiega Eva Degl’Innocenti che annuncia anche l’importante collegamento tra il tour virtuale in 3D con una piattaforma di crowfunding internazionale - .Questo patrimonio deve tornare ad essere valore spendibile qui e quando arriverà anche un piccolo contributo sulla piattaforma che rende accessibile il tour non si tratterà di finanziare il Museo – sottolinea la direttrice – ma quello che il MArTA riuscirà a riportare sul territorio attraverso progetti che tornino alle persone, dalle iniziative legate ai giovanissimi, fino alla possibilità di campagne di studio e ricerca capaci di dare risposte occupazionali alla filiera della cultura”.
    Previste anche giornate di gratuità in occasioni di giorni di festa o nelle prime domeniche del mese.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati