Sabato, 18 Novembre 2017

    L’Eni va in blocco e la rete si infuria

    La protesta passa dalla rete. Dalle torce della raffineria Eni esce fumo nero e si scatena il tam tam mediatico. Alla fine è il vice sindaco di Taranto che riveste anche il ruolo di assessore all’Ambiente, Rocco De Franchi, a far sentire la voce delle istituzioni: “La raffineria Eni di Taranto è in blocco generale per alcune ore. Le torce accese in emergenza che si vedono dalla strada dovrebbero spegnersi a breve. Taranto è stanca”

     

    Alle 11:38 la nota ufficiale. Eni informa che: “A causa di un evento meteorico intenso questa mattina alle ore 9:15 circa si è verificata la totale interruzione dell’alimentazione elettrica della Raffineria di Taranto.
    Il black out ha generato il blocco generale degli impianti e la conseguente attivazione dei sistemi di sicurezza, con conseguente accensione del sistema torce.
    Non si registrano danni né pericoli per l’ambiente, sono attualmente in corso le operazioni di verifica e ripristino del collegamento elettrico”.

    Questo ovviamente non seda l’indignazione pubblica e la rabbia dei cittadini come i post su Facebook dimostrano

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati