Martedì, 19 Giugno 2018

    Concerto di Capodanno, ecco quanto è costato

    By Marco RUFFO Gennaio 02, 2018 1934
    Foto studio Renato Ingenito Foto studio Renato Ingenito

    Dopo diversi anni, Taranto ha avuto di nuovo il suo concerto di piazza in occasione del passaggio di consegne tra il vecchio ed il nuovo anno. Era dal 2011, anno in cui salì sul palco di piazza della Vittoria Paolo Belli con la sua band, che questo non accadeva. Ed anche negli anni precedenti, il concertone non era una consuetudine.

    Al termine dei festeggiamenti abbiamo fatto alcune ricerche per disegnare il “quadro economico” dei costi sostenuti dall’amministrazione comunale per l’organizzazione degli stessi.

    Sia chiaro: l’intento di questo articolo non è quello di esprimere un giudizio sulle somme spese dal Comune di Taranto per il concerto della notte di San Silvestro. Un giornale riporta i dati raccolti ed alimenta il dibattito dell’opinione pubblica. Per questo anche il titolo è piuttosto asciutto e non roboante.

    Detto ciò, passiamo alle cifre. E quindi all’ospite di punta: James Senese con la sua band “Napoli centrale”. Per la loro partecipazione ci si è affidati alla Bass Culture srl con sede a Bari; l’impegno di spesa è stato pari a 15.860 euro.

    Per la cantante tarantina Mietta, la somma pattuita con la Dafra s.a.s. è pari a 7.320 euro.

    3.050 euro è costata invece la partecipazione al concerto del complesso di musica pop composto da Franco Cosa, Roberto Andrisani, Giovanni Caloro, Felice Di Turi e Cristiano Cosa mediante affidamento alla “Piano B” di Taranto.

    La partecipazione di Mama Marjas & Don Ciccio è stata curata dalla “Love University Records” ed ha avuto un costo di 4.880 euro.

    C’è poi il capitolo relativo alla direzione artistica affidata a Mauro Pulpito e a Fabiano Marti, ai quali è toccato anche il compito di presentare gli artisti che si sono succeduti sul palco. Il primo ha ricevuto un cachet di 6.000 euro iva esclusa, mentre il secondo 4.000 euro iva esclusa.

    Gli artisti provenienti da fuori Taranto hanno dovuto soggiornare in città e quindi è stata impegna la somma di 660 euro per pagare una struttura ricettiva cittadina dove far riposare gli ospiti. Mille euro circa sono servite per pagare il buffet di cui hanno usufruito i cantanti e lo staff organizzativo, mentre per la stampa e fornitura di badge di riconoscimento plastificati, nonché per la realizzazione dei manifesti 70x100 e delle locandine in stampa digitale sono stati impegnati 549 euro. Infine l’allestimento del palco, corredato da gazebo e transenne, il service audio-luci, i gruppi elettrogeni, i maxi-schermi, i banner, le barriere antipanico e tutto l’occorrente per il regolare svolgimento del concerto sono costati 17.080 euro.

    In conclusione dobbiamo aggiungere che il “quadro economico” presentato non è completo e potrebbe essere ulteriormente aggiornato nei prossimi giorni sulla base di ulteriori documenti ufficiali come sono quelli da cui abbiamo tratto i dati sopra esposti.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    ibl_new.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    ibl_new.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati