Mercoledì, 20 Giugno 2018

    Donazione organi, Taranto in controtendenza rispetto alla Puglia In evidenza

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    Un nuovo prelievo di organi è avvenuto con successo a Taranto nella notte tra il 5 e il 6 marzo, presso il reparto di Anestesia e Rianimazione dell’ospedale SS.Annunziata.


    Grazie alla generosità della moglie e della famiglia tutta di un uomo di 59 anni deceduto a causa di una emorragia cerebrale, è stato possibile prelevare il fegato dell’uomo, che è stato inviato a Napoli, e i reni, inviati a Bari.
    Nonostante a Taranto si continuino ad effettuare interventi di questo tipo (nel corso del 2018 in tutta la regione si sono realizzati quattro interventi di prelievo di organi, tre dei quali a Taranto), al momento si registra una carenza di donazioni in Puglia; nel 2017si è infatti registrato il più alto tasso di opposizione ai prelievi di organi.
    Il direttore generale dell’Asl Taranto,Stefano Rossi, ha ringraziato la famiglia che ha fornito il consenso ed elogiato l’équipe che ha coordinato il prelievo: “Sottolineiamo la generosità, di cui c’è oggi tanto bisogno, che ha caratterizzato il gesto dei famigliari che, pur in un momento drammatico, hanno fornito il consenso al prelievo. Al contempo, va messa in evidenza la grande professionalità del personale medico del reparto di Anestesia e Rianimazione del SS. Annunziata, che rende possibile questo genere di operazioni”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    ibl_new.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    ibl_new.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati