Sabato, 17 Novembre 2018

    Saldi estivi al via anche a Taranto In evidenza

    Foto studio Renato Ingenito Foto studio Renato Ingenito

    Al via anche a Taranto, da oggi, i saldi estivi che ci accompagneranno sino al 15 settembre.

    Secondo le stime dell’Ufficio Studi di Confcommercio, ogni persona spenderà in media 98 euro per l’acquisto di articoli di abbigliamento e calzature in saldo. La spesa è in linea con quella degli scorsi anni. Saranno 26 milioni le famiglie interessate, ma anche numerosi turisti che approfitteranno degli sconti per fare shopping tra i negozi soprattutto delle vie della moda del lusso.

    Per il presidente di Federazione Moda Italia e vice presidente di Confcommercio, Renato Borghi: “C’è attesa per questi saldi estivi che costituiranno un vero banco di prova per i consumi del 2018. La stagione primavera/estate, infatti non è ancora decollata ed i recenti dati diffusi dall’Istat sulla fiducia dei consumatori ci fanno ben sperare in una crescita degli acquisti”.

    A Taranto si è da poco ricostituita la sezione Federmoda di Confcommercio, presieduta da Mario Raffo, che ha lanciato, anche nel territorio ionico, l’operazione  “Saldi Chiari”. Gli operatori commerciali che vi aderiscono si impegnano a rispettare le norme presenti e future in materia di saldi:

    • Durante le vendite di fine stagione o saldi l’operatore commerciale non potrà rifiutare il pagamento della vendita a mezzo carte di credito;
    • Durante i saldi l’operatore commerciale si impegna a sostituire i capi acquistati che presentano gravi vizi occulti;
    • Nel caso di non corrispondenza della taglia, il capo verrà sostituito con prodotti disponibili all’atto della richiesta di sostituzione;
    • Durante l’acquisto di saldi il cliente ha il diritto di provare i capi per verificarne la corrispondenza della taglia ed il gradimento del prodotto. Sono esclusi dalla facoltà di prova, i prodotti rientranti nella categoria della biancheria intima e di quei prodotti che per consuetudine non vengono normalmente provati.
    • Le catene di negozi che effettuano saldi si impegnano a porre in vendita negli esercizi che effettuano tali vendite, gli stessi prodotti allo stesso prezzo, impegnandosi in caso di variazione del prezzo a praticare la variazione in tutti i punti vendita contemporaneamente;
    • Qualora il costo per l’adattamento o la riparazione dei capi acquistati fosse a carico del cliente, l’operatore commerciale dovrà darne preventiva informazione al cliente e dovrà inoltre esporre, ben visibile, un cartello informativo nel quale si dichiari espressamente che “le riparazioni sono a carico del cliente”;
    • L’accettazione ed il rispetto del presente decalogo, dà diritto agli operatori commerciali aderenti di esporre nelle proprie vetrine ed all’interno degli esercizi commerciali, il materiale  informativo: locandine, manifesti e quant’altro verrà predisposto e distribuito annualmente dalle Organizzazioni di Categoria promotrici;
    • Viene messo a disposizione degli operatori commerciali e dei consumatori, nel periodo dei saldi il numero telefonico Ascom (tel. 0332.342113) che potrà essere utilizzato per ogni informazione sull’operazione “Saldi Chiari”.

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati