Venerdì, 19 Ottobre 2018

    La Russia è più vicina, presto una sede decentrata della Camera di commercio In evidenza

    Apertura di una sede decentrata della Camera di commercio italo-russa a Taranto per favorire l’export; la possibilità di fare del porto di Taranto un hub crocieristico per turisti russi; la possibilità, per le aziende tarantine che lo vorranno, di partecipare alla fiera “Buongiorno, Italia!” che si terrà a Mosca ai primi di dicembre.

    Sono queste le iniziative che potrebbero presto avvicinare Taranto alla Russia. Ad annunciarle, durante una serata di gala svoltasi a Firenze, la società Rofimi che, grazie all'interessamento del consigliere comunale e consigliere Anci, Gianni Azzaro, ha iniziato a guardare con interesse alle potenzialità del capoluogo ionico e della sua provincia.

    Rofimi è una società italo-russa che promuove, presso il pubblico dell’Est Europa, le bellezze artistiche e le prelibatezze enogastronomiche italiane. Azzaro - in una nota stampa - racconta di essere entrato così in contatto con la sua presidente Kristina Latuta (che è anche socia consigliera della Camera di commercio italo-russa): "Ho avuto modo di conoscere la Rofimi e Kristina Latuta grazie ad un articolo di Milano Finanza relativo ad una serie di educational tour che la società stava promuovendo in Basilicata per favorire il turismo russo in Lucania. Ho quindi contattato la società e presentato alla Latuta le potenzialità della città di Taranto, dotata – tra le altre cose – anche di ottime infrastrutture in grado di soddisfare le esigenze dei turisti russi".

    "A giugno di quest’anno - fa sapere ancora il consigliere nazionale dell'Anci -, grazie alla mediazione della Rofimi e al mio interessamento, Taranto ha ospitato per alcuni giorni Svetlana Sinjavskaja, managing director di “Living Italy”, rivista russa che ha veicolato l’immagine della città dei due mari nell’Est Europa".

    Rofimi - secondo quanto avrebbe fatto sapere la società - sta lavorando per fare di Taranto un hub crocieristico per i turisti russi. Inoltre, come afferma in conclusione Azzaro - la città potrebbe presto ospitare la "sede decentrata della Camera di commercio italo-russa e ha la possibilità di sbarcare alla fiera “Buongiorno, Italia!” che si terrà a dicembre a Mosca”.

     

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati