Domenica, 18 Novembre 2018

    Acquedotto del Triglio, Andrioli: 'Fate presto'

    Foto studio Renato Ingenito Foto studio Renato Ingenito

    "C’è indubbiamente un pericolo imminente riguardante l'intera l’opera, sia quella emersa e più recente che va verso il quartiere Tamburi, sia per quella più antica, di epoca romana, che attraversa il territorio per circa 18 chilometri sotterranei, e poi riemerge, per un centinaio, nella zona “incassata” quasi al confine tra la Gravina del Triglie e quella di Leucaspide".

    É l'allarme del sindaco di Statte, Francesco Andrioli, che questa mattina ha raggiunto il luogo del crollo sulla strada provinciale che collega il comune capoluogo al Comune di Statte.

    Nella scorsa primavera il primo cittadino afferma di aver visitato con il presidente del gruppo speleo, Mimmo Gentile, la zona dell’”Incassata”.

    "Qui - sostiene Andriolo - c’è una parte davvero interessante di acquedotto romano che riemerge dal terreno e con pietre e volte si incassa appunto della gravina. Il gruppo speleo monitora costantemente lo stato di salute di questo importante manufatto storico, ma è chiaro che occorre far presto e agire prima che la pioggia e l’incuria del tempo possa cancellare tutto in pochi secondi".

     Tra il 2007 e il 2008 circa 500mila euro vennero spesi per il recupero di una parte dell’acquedotto ipogeo. Come spiega il sindaco di Statte, ciò fu reso possibile grazie alle risorse regionali con cui si riuscì a ripulire un lungo tratto dei cunicoli costruiti in periodo romano.

     "Il Parco del Triglio - conclude Andrioli -, con gli insediamenti rupestri, la Chiesa di San Michele e la parte dell’acquedotto sotterraneo ancora visitabile, è una delle porte d’ingresso del più grande Parco delle Gravine della provincia di Taranto e da lì si potrebbe certamente ripartire per l’unico brand di rilievo della nostra terra, ma occorre agire con criterio proprio per non far si che accada quello che è già accaduto in queste ore alle arcate medievali".

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati