Lunedì, 16 Settembre 2019

    Ex Ilva: no alla facoltà d'uso dell'Afo2, si va verso lo spegnimento

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    Rigettata l’istanza presentata da Ilva in amministrazione straordinaria al fine di effettuare i lavori di messa in sicurezza dell’altoforno 2, sequestrato dalla procura di Taranto dopo che il giudice dell’udienza preliminare Pompeo Carriere aveva respinto l’istanza di dissequestro della stessa Ilva. L’altoforno 2 dovrebbe essere quindi spento secondo il cronoprogramma messo a punto dal custode giudiziario.


    “Le esigenze cautelari sussistenti nel caso in specie sarebbero evidentemente frustrate ove si consentisse ancora lo svolgimento dell’attività di impresa presso l’Afo 2 e ciò in quanto i lavoratori ivi operanti sarebbero ancora esposti al rischio di verificazione di eventi dello stesso tipo di quello occorso a Morricella”, scrive il giudice del dibattimento.


    Il giudice ha evidenziato poi che le prescrizioni di sicurezza da attuare sull’altoforno 2 risalgono a “poco meno di ben quattro anni fa”. A giugno 2015, infatti, ci fu un incidente mortale in cui perse la vita l’operaio Alessandro Morricella, investito da un getto di ghisa incandescente. Ilva presentò allora un piano alla procura, si impegnò a fare i lavori e ottenne dalla stessa procura la possibilità di continuare ad utilizzare quell'asset.


    Tornando alla vicenda delle ultime ore, va segnalato che Ilva in amministrazione straordinaria starebbe valutando il da farsi rispetto al provvedimento con cui il giudice del Tribunale di Taranto ha respinto l’istanza di facoltà d’uso per l’altoforno 2. Secondo quanto riportato dall'Agi, è probabile che Ilva, gestita da tre nuovi commissari nominati a fine aprile dal ministro Luigi Di Maio, possa impugnare il provvedimento. Nessuna istanza invece da ArcelorMittal, che è gestore in fitto degli impianti mentre Ilva in amministrazione straordinaria ne è proprietaria.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati