Venerdì, 24 Gennaio 2020

    Il saluto del prefetto Bellomo: “Auguro a Taranto di splendere della sua luce”

    By Alessandra Macchitella Gennaio 02, 2020
    Foto studio R.Ingenito Foto studio R.Ingenito

    “Saluto il territorio che per 9 mesi mi ha accompagnato e sostenuto. Mi auguro che Taranto possa splendere della luce che si riflette sul suo mare e che tante volte ho provato a fotografare da queste finestre”. Così Antonella Bellomo, prefetto uscente del capoluogo ionico, ha salutato la città nel Salone di rappresentanza della Prefettura, alla presenza delle massime autorità. Il mare oltre le finestre, splendido sotto il sole di un 2 gennaio, sembra ricambiare con una delle sue migliori giornate.


    ll Consiglio dei ministri ha deciso nei giorni scorsi una serie di nomine e movimenti di prefetti: Demetrio Martino da prefetto di Matera assume le funzioni di prefetto di Taranto e Antonia Bellomo, da Taranto diventa il nuovo prefetto di Bari.

    Bellomo: “In questa città sono passata come una meteora”

    “Non ho preparato un discorso - ha dichiarato Bellomo - ma quando ho saputo della decisione dei Ministri di trasferirmi a Bari il mio primo sentimento è stato di incompiutezza. Sono stata poco in questa città, sono passata come una meteora. È stato un periodo bellissimo, ogni mese denso di appuntamenti, visite dei Ministri, avvenimenti importanti e anche tristi. Mi sono buttata nel lavoro con passione ma penso di non aver fatto tutto quello che avrei voluto. Mi hanno dato tutti tanto: i militari, le forze di Polizia, i sindaci, il presidente della Provincia, il mondo del volontariato, della scuola, dell’Università, i miei collaboratori, i sindacati e i media. Ho cercato di essere presente costruendo anche rapporti umani”.

    Il 7 gennaio il trasferimento a Bari

    Il 7 gennaio Bellomo tornerà a Bari, la sua città: “Per me si tratta di una opportunità - ha aggiunto - per conciliare l’attività lavorativa con gli affetti familiari. Coronerò un sogno: rientrare a casa ricoprendo la veste del massimo grado che mi è consentito. Il 7 prenderò servizio a Bari, una realtà che conosco ma insidiosa, io speriamo che me la cavo!”. Antonia Bellomo ha ricordato i risultati raggiunti e ha augurato nuova vita per la città: “Taranto (e la sua provincia) è una delle città più sicure della Puglia, con la migliore performance nella riduzione di reati nell’anno. Oggi non voglio parlare dei problemi del territorio, Taranto mi resterà nel cuore, spero di tornare da turista o convocare qui una riunione della conferenza regionale. Le auguro un futuro radioso, un volto nuovo di città non solo industriale ma anche luminoso e accogliente”.

    Il commento del sindaco di Taranto

    Il sindaco di Taranto Rinaldo Melucci ha concluso: “Antonella è riuscita a entrare in un territorio difficile in punta di piedi, per una Prefettura presente e discreta, non ci siamo sentiti soli, un passaggio veloce ma che ci ha lasciato un insegnamento”.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati