Domenica, 24 Gennaio 2021

    Progetto “Verde Amico” scade il 24 febbraio: sindacati chiedono convocazione del prefetto

    I segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Taranto hanno chiesto l’immediata convocazione da parte del prefetto Demetrio Martino, in merito all’imminente scadenza del 24 febbraio del progetto “Verde Amico”.

    “Bisogna riprogrammare le attività per renderle durevoli. Sede idonea il Tavolo Istituzionale Permanente”

    “Si pone, conseguentemente, l’esigenza di una riprogrammazione delle attività che abbia la finalità sia di procedere all’individuazione di un percorso di maggiore durevolezza, che sia suscettibile di dare risposte definitive in termini di stabilità occupazionale, che di presidiare in maniera continuativa l’ambito degli interventi di bonifica del territorio che devono poter soggiacere ad interventi strutturali. In tale ottica – aggiungono Pelusi, Solazzo e Turi - necessiterebbe una preliminare azione di ulteriore qualificazione dei lavoratori in modo da poter individuare nuovi ambiti di intervento che si incentrino anche su una maggiore disponibilità di risorse finanziarie.

    Si tratterebbe, in sostanza, di dare piena e totale applicazione al disposto dell’art.9 del Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) che previde l‘individuazione di una clausola di salvaguardia proprio per l’effettuazione di interventi di bonifica a favore di lavoratori provenienti dal bacino di crisi delle aziende dei complessi industriali di Taranto, già coinvolti in programmi di integrazione al reddito e di sospensione dei processi lavorativi. In tale attività – concludono le sigle sindacali -, le scriventi hanno già posto l’esigenza di ridefinire il perimetro di intervento dei lavori di bonifica estendendolo ai comuni dell’area di crisi complessa (Crispiano, Massafra, Montemesola e Statte), individuando il Tavolo Istituzionale Permanente quale sede idonea per una trattazione ampia e qualificata delle problematiche evidenziate

     

    Informazione Pubblicitaria
    Kyma Riciclabili

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati