Lunedì, 19 Aprile 2021

    Ilva, entro ottobre i pagamenti per le imprese dell'indotto

    Partirà da subito e si concluderà a fine ottobre l'erogazione dei crediti scaduti delle aziende dell'indotto Ilva della provincia di Taranto. Il management della società dell'acciaio corrisponderà i pagamenti relativi alle commesse scadute entro il 15 agosto scorso. Soddisfazione di Confindustria per il buon esito delle richieste avanzate da tempo dagli industriali jonici e per l'impegno profuso dal management Ilva.

    Una buona notizia per le aziende dell'indotto Ilva della provincia di Taranto alle quali entro la fine di ottobre prossimo sarà erogato, da parte della società, l'ammontare dei crediti vantati fino alla metà di agosto scorso dalle stesse imprese operanti nell'appalto e che erano scaduti da almeno sette mesi. 

    La società ha infatti comunicato, nel corso di un incontro avuto ieri fra il Presidente di Confindustria Taranto Vincenzo Cesareo ed il management Ilva, che i pagamenti riguarderanno i crediti esigibili scaduti entro e non oltre il 15 agosto 2014.
    «È un altro importante tassello – si legge in una nota di Confindustria- che si aggiunge al quadro già positivo emerso dal confronto dei giorni scorsi fra gli industriali ed il Ministro dello Sviluppo Economico ed il Commissario Ilva che, come si ricorderà, aveva sancito lo sblocco di risorse ad hoc, trentaquattro milioni di euro, per tutte quelle realtà imprenditoriali che da almeno sette mesi attendevano il pagamento di lavori già effettuati per il centro siderurgico, oramai stremate da una crisi di liquidità senza precedenti».
    La notizia del pagamento immediato, «apre ulteriori scenari sul fronte dei rapporti – inediti – che si stanno sempre più instaurando con il management della società dell'acciaio, particolarmente sensibile ed attento alle istanze che arrivano dal territorio jonico, la cui situazione rimane comunque particolarmente complessa».
    Un rapporto più fluido che Confindustria Taranto accoglie con particolare favore soprattutto alla luce delle reiterate richieste avanzate negli ultimi mesi dagli industriali jonici al Governo ed alla stessa Ilva affinché la critica situazione dell'indotto trovasse una rapida ed esaustiva soluzione.
    «Richieste che, a quanto pare, - conclude Confindustria- stanno finalmente trovando concretezza ridando serenità e prospettive ad un significativo e fondamentale segmento imprenditoriale e produttivo del nostro territorio».

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati