Giovedì, 23 Novembre 2017

    Giovani Imprenditori-  La Provincia convochi i Sindaci per mettere a sistema l’offerta turistica del territorio provinciale

    By Comunicato Stampa Ottobre 24, 2014 1234

    La Puglia piace. 170 mila visitatori hanno scelto tra luglio e settembre, fa sapere  Puglia Promozione, di visitare chiese, musei, castelli e siti culturali sparsi nelle sei provincie durante le aperture del sabato sera  degli Open Days. Un  risultato che ha convito la Agenzia pugliese di promozione  a voler programmare una versione invernale degli Open. Tuttavia,  provincia di Taranto, nonostante il Castello Aragonese,  una delle dieci mete più visitate in Puglia, è riuscita ad interessare 24 mila visitatori, circa la metà dei 45mila del Leccese.

     

    Dati che – commenta il presidente dei Giovani Imprenditori di Confcommercio, Salvatore Cafiero- riflettono l’andamento complessivo  del settore del turismo nella  provincia di Taranto, come purtroppo a fine estate conferma l’annuale riscontro delle presenze turistiche nelle strutture ricettive del territorio. La questione ambientale   indubbiamente penalizza l’immagine della provincia jonica, ma non è il solo fattore di criticità.

    Da sempre il territorio provinciale  – malgrado la sbandierata vocazione - si distingue per la frammentarietà della proposta turistica e per la inadeguata o addirittura carente promozione: il mare del versante orientale e quello del versante occidentale; la terra del Primitivo nell’aria  est, il territorio delle gravine ad ovest; la Magna Grecia a Taranto, il Barocco a Martina Franca. Così per gli eventi e le tante manifestazioni (festival, sagre, rappresentazioni, etc. ) che si organizzano, soprattutto nel periodo estivo, in tutto il territorio provinciale,   con un accavallamento di date che spesso danneggia gli stessi organizzatori e che non porta ai Comuni che organizzano risultati sperati.

    E’ evidente che manca una visione di territorio, e che non vi è dialogo e collaborazione tra i Comuni. Soprattutto in questi ultimi anni è mancato – rimarca Cafiero- un soggetto istituzionale che avesse un ruolo di coordinamento, che desse voce al territorio provinciale e che rappresentasse le istanze del territorio ai tavoli istituzionali.  Un ruolo che poteva e doveva essere svolto dall’ ente Provincia, soprattutto per le  questioni che attengono lo sviluppo del territorio: l’attivazione dell’aeroporto di Grottaglie, il  potenziamento dei collegamenti ferroviari ed il completamento di quelli  stradali a partire dalla storica Talsano/Avetrana; la problematica degli scarichi a mare degli impianti di depurazione delle acque reflue; le politiche di promozione turistica.

    I Giovani Imprenditori di Confcommercio chiedono: per quanto concerne le problematiche inerenti lo sviluppo (collegamenti, infrastrutturazione, etc.), che la rinnovata Provincia assuma un ruolo di reale coordinamento tra i Comuni; per quanto attiene invece  il settore del turismo si programmi la convocazione di   un tavolo di concertazione  finalizzato a mettere a  sistema l’offerta del territorio provinciale, soprattutto per quanto concerne la programmazione del  calendario degli eventi e  delle attività di promozione.

    Vota questo articolo
    (1 Vota)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati