Bitetti: «l'assessore regionale alla sanità deve essere tarantino» In evidenza

Giovedì, 18 Maggio 2017 14:51

“L'Assessore  Regionale alla Sanità deve essere tarantino considerata la grave emergenza sanitaria che investe la città”. È quanto dichiara il candidato Sindaco Piero Bitetti.

“Il  nuovo Sindaco di Taranto –fa sapere- dovrà  battersi per ribaltare il vergognoso stato in cui la Regione ha ridotto la sanità tarantina rivendicando la riattivazione dei pronto soccorso nella città e nei comuni limitrofi, incrementando i posti letto e implementando il personale medico infermieristico e  gli operatori socio-sanitari rivendicando l’applicazione del DM 70”.
Vanno inoltre attivate, aggiunge, “branche chirurgiche innovative: chirurgia polmonare e addominale, neurochirurgia e ginecologia, oltre ad organizzate una rete di diagnostica per immagini su base provinciale. Taranto deve diventare città cardio-protetta prevedendo defibrillatori nei punti nevralgici della città e l'addestramento dei cittadini per manovre di rianimazione e allerta 118. Il decreto Bindi (299/99) – aggiunge- ha cambiato il ruolo dei sindaci sui temi sanitari affidando ad essi non compiti di gestione ma di programmazione, controllo e giudizio sull'operato delle aziende sanitarie locali”.
Secondo il giudizio di Bitetti, “il Sindaco deve conoscere lo stato di salute della popolazione, adottare azioni al fine di rimuovere cause di danno e a promuovere miglioramenti, informare la popolazione su rischi, eventuali, incombenti e deve partecipare alla conferenza regionale di programmazione sanitaria con parere obbligatorio”.

Vota questo articolo
(1 Vota)

Ultime notizie

Seguici su

Go to top