Melucci: «si valorizzi il mare, valida alternativa all’industria dell’acciaio» In evidenza

Giovedì, 22 Giugno 2017 13:36

“Taranto ha necessità di sviluppare tutte le risorse legate alla risorsa-mare, per una valida alternativa all’industria dell’acciaio”. Lo dichiara il candidato sindaco del centrosinistra Rinaldo Melucci.

“Sono convinto – fa sapere- che un notevole impulso a ciò sia la realizzazione dell’Istituto Nautico, sogno cullato da generazioni di tarantini. È un obiettivo ambizioso e dall’iter burocratico non privo di difficoltà, ma l’esperienza della statizzazione dell’Istituto Superiore di Studi Musicali "Giovanni Paisiello" ci ha insegnato il metodo: quello della concertazione e della collaborazione a tutti i livello tra tutti coloro che hanno a cuore le sorti della città, senza distinzione di colore politico. È unicamente la città che deve andare avanti, e questo è possibile se si cammina insieme: ecco perché il leit motiv della mia campagna elettorale è stato il dialogo”.
Come sede, aggiunge Melucci, “non si può fare a meno di pensare allo splendido Palazzo Amati, antico edificio che dalla “ringhiera” della Città vecchia si affaccia sul Mar Grande.
Quell’edificio, come si ricorderà, ospitava la sede universitaria della Facoltà di Scienza della Maricoltura, la prima a essere istituita a Taranto, andata persa tra il disinteresse generale, per poi essere rimpianta amaramente. Palazzo Amati – aggiunge- è stato più volte devastato e depredato, assieme al piccolo museo della suddetta Facoltà di Maricoltura con interessanti reperti legati al mare, per poi essere murato, come tanti altri della Città vecchia”.
Ora il pianterreno di Palazzo Amati si appresta ad ospitare il “Centro Euromediterraneo del mare e dei cetacei’, grazie al meraviglioso progetto “Kètos”, presentato da un partenariato di associazioni di volontariato e del Terzo settore, con capofila la Jonian Dolphin Conservation, un progetto già finanziato dalla Fondazione con il Sud.
“È un lodevole esempio di cittadinanza attiva e sussidiarietà, laddove cittadini riuniti in associazioni riescono a intercettare importanti finanziamenti, nel caso specifico € 465.000, per realizzare iniziative a favore della comunità.- commenta Melucci- Sarebbe bello che i piani superiori di Palazzo Amati ospitassero in futuro un costituendo Istituto Nautico, un innovativo e importante esempio di collaborazione sinergica tra il mondo del Terzo settore e le Istituzioni pubbliche”.
Soprattutto, conclude, “sarebbe meraviglioso che la rinascita di Taranto partisse proprio questo angolo del centro storico, da questo incantevole affaccio sul mare, dove finalmente potrebbero porre le basi per il futuro la giovani speranze della nostra Taranto. I nostri figli”.

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Ultime notizie

  • Settembre 21, 2017 Attualità Comunicato stampa

    Zes, tavolo di lavoro in Regione Puglia

     E' stato istituito stamattina presso l'Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Puglia il tavolo di lavoro presieduto dall'assessore Michele Mazzarano, per l'avvio della procedura per presentare le candidature della Puglia al Governo al fine di…
  • Settembre 21, 2017 Primo Piano Redazione

    Centro della cultura per l'infanzia: al via la nuova programmazione

    Riaprono le porte al Centro della Cultura per l’Infanzia e ripartono le attività.

Seguici su

Go to top