Melucci aderisce al Fronte Dem di Emiliano e annuncia: «nella giunta alti profili tecnici»

Mercoledì, 28 Giugno 2017 16:23
Foto di repertorio Foto di repertorio Foto Studio Renato Ingenito

 

Il neo-sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci ha annunciato la sua adesione «al Fronte Democratico di Michele Emiliano, nella cui visione della politica e della cosa pubblica - scrive in un post su Facebook - mi ritrovo serenamente».

Negli ultimi tre mesi, spiega Melucci, «in molti si sono affannati ad assegnarmi etichette associative o partitiche e questo passatempo, ovviamente, cresce all'indomani del risultato del ballottaggio. In tutto questo tempo mi sono sforzato di essere solo me stesso, di restare quanto più indipendente possibile in pensieri e azioni, anche dai grandi attori politici, sempre umile ed inclusivo verso tutti, forse il successo inatteso è arrivato anche per questa condizione».

A detta di Melucci, «abbiamo vinto perché abbiamo saputo aggregare positivamente i tarantini con la nostra idea di discontinuità, indipendenza e competenza, proponendoci come il germoglio di una nuova classe dirigente».

Ora che tutto si è compiuto, «desidero pregare certi interlocutori guasconi, a cominciare dagli esponenti di Liberdem, di piantarla di attribuirsi paternità sull'intero progetto del centrosinistra ionico, sulla figura del sindaco e persino sulle quasi 27mila preferenze espresse dagli elettori domenica scorsa», riferisce il nuovo Primo Cittadino.

«Non è elegante-aggiunge- verso chi ha tanto faticato per questo risultato, non è serio per una città che ha fame di vera buona politica e non dell'ennesimo contrapposizione».

Precisa di non aver «mai aderito a Liberdem o altre simili organizzazioni, non mi riconosco nei loro modi e nei loro scopi, continuerò a lavorare con indipendenza per tutti i tarantini, costruendo valori, non con il fine di decretare la fine politica altrui. Per me la politica deve tornare alta, nei partiti tradizionali, in mezzo ai cittadini. Semmai mi impegnerò nel mio piccolo per agevolare la nascita di nuova classe dirigente, fatta di giovani competenti, che possano scalzare via certi poteri forti trasversali, ma non mi presterò al gioco divisivo, spocchioso e scarsamente coerente di raggruppamenti che minano una riforma del Partito Democratico o di altre realtà strutturate del nostro territorio».

Nei prossimi giorni, conclude, «prevediamo di avviare un ciclo di consultazioni informali, per poter allestire una giunta in gran parte costituita da alti profili tecnici e non esclusivamente politici, perché Taranto, e non le dinamiche di un partito o di un movimento, rimane la sola priorità».

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Ultime notizie

  • Settembre 21, 2017 Politica Redazione

    Finanziamenti per bonifica di aree inquinate: «occasione da non perdere»

    La Regione Puglia ha stanziato ben 68 milioni di euro (risorse P.O.R. PUGLIA FESR–FSE 2014-2020. Asse VI ) per l’Avviso Pubblico della Sezione Ciclo Rifiuti e Bonifiche che invita i Comuni Pugliesi a presentare domande di intervento per la bonifica di aree…
  • Settembre 21, 2017 Attualità Comunicato stampa

    Zes, tavolo di lavoro in Regione Puglia

     E' stato istituito stamattina presso l'Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Puglia il tavolo di lavoro presieduto dall'assessore Michele Mazzarano, per l'avvio della procedura per presentare le candidature della Puglia al Governo al fine di…

Seguici su

Go to top