Lunedì, 20 Novembre 2017

    Bonifiche Taranto, Perrini: «bisogna passare dalle parole ai fatti» In evidenza

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    «Sulla bonifica dell’area di Taranto le dichiarazioni del Commissario Straordinario non cambiano». È quanto dichiara il consigliere regionale Renato Perrini (DiT).

    «Interventi che già conosciamo, - dice- finanziamenti di cui si è detto già tutto, parole che restano sempre le stesse “faremo” o “concluderemo”, così come le frasi “sono in corso” o “sono in fase di completamento”. L’ho invitata personalmente nei mesi scorsi a relazionare in commissione Ambiente a Bari per fare il punto della situazione, ma da ciò che leggo – fa sapere Perrini- nessun reale passo in avanti è stato fatto».
    A detta del consigliere regionale, «viene ripetuto come un mantra l’intervento nelle scuole del quartiere Tamburi, ampiamente argomentato, di cui conosciamo ogni virgola. Anche la bonifica dell’ex Cemerad, ci viene propinata in ogni salsa, la frase è sempre la stessa “dovrebbe concludersi il prossimo anno”. In verità -rileva- io ricordo ben altri tempi per la chiusura dell’intervento».
    E ancora, «è “in corso” la bonifica del Cimitero di San Brunone, ed è “in fase di completamento” l’intervento al Porto. Credo che i tarantini meritino ben altre spiegazioni. Infine è “a buon punto” il risanamento del Mar Piccolo, che poi è il cuore della progettualità sull’area contaminata di Taranto. Qui studi su studi, - lamenta- per sentirci raccontare l’ennesima storia del trasferimento della colonia dei cavallucci marini, storia che ci è già stata detta un anno fa. Tutto per non dire chiaramente che la pulizia dei fondali non è cominciata così come neanche la rimozione dei rifiuti».
    Poi, aggiunge Perrini, «nessuna parola nè su come verranno rigenerate le aree degradate, nè sugli scarichi abusivi ancora presenti, né sul gravissimo inquinamento dei fondali. Sul Mar Piccolo c’è una reticenza incomprensibile».
    Il consigliere dunque si domanda: «ma è questo il laboratorio Taranto per le bonifiche, il modello di rigenerazione ambientale che si vuole applicare in un’area così tragicamente distrutta dall’inquinamento? Siamo stanchi delle parole».
    Per questo motivo, Perrini ha scritto all’Assessore regionale all’Ambiente «chiedendogli di invitare il Commissario Corbelli a condurci sui luoghi dei suoi interventi per verificare il reale stato attuativo del programma da lei messo in campo», conclude.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati