Sabato, 18 Novembre 2017

    Ilva, Bonelli: «Aia non attuata, situazione fuorilegge. Cosa fa la Procura?»

    Foto di repertorio Foto di repertorio Foto Studio Renato Ingenito

    «A Taranto sull'Ilva le prescrizioni ambientali dell'Aia non sono state rispettate e questo significa che la salute dei tarantini in questi  anni è stata esposta ad ulteriori ed inaccettabili rischi. Lo hanno messo nero su bianco nella relazione consegnata alla Procura, i custodi giudiziari dello stabilimento». Lo scrive in una nota il coordinatore dei Verdi Angelo Bonelli.

    «Ci troviamo quindi di fronte ad una situazione gravissima –aggiunge- e questa notizia conferma che la sentenza n. 85 del 2013 della Corte Costituzionale, che affermava che i primi decreti salva Ilva potevano ritenersi legittimi solo se le prescrizioni ambientali previste dall'Aia fossero state rigorosamente applicate, è stata violata. Ma come è possibile che questo sia accaduto senza che l'autorità giudiziaria sia intervenuta? Perché a chi gestisce Ilva e anche ai futuri proprietari indiani è stata concessa l'immunità penale? Una barbarie contro la quale ci saremmo aspettati un ricorso alla corte costituzionale da parte della Procura di Taranto che invece è rimasta ferma».
    Bonelli aggiunge che «la medesima Procura il 7 aprile del 2016 chiese l’archiviazione, sostenendo che non erano “ancora scaduti i termini entro cui i responsabili aziendali sono tenuti ad attuare le prescrizioni Aia, confluite nel piano ambientale» e che comunque operava «l’esimente prevista dal decreto n. 1/2015” secondo cui “le condotte poste in essere in attuazione del predetto piano non possono dare luogo a responsabilità penale o amministrativa del commissario straordinario o dei soggetti da questo funzionalmente delegati”».
    «È  noto  - prosegue Bonelli - che i lavori più onerosi e ambientalmente più rilevanti su Ilva come la copertura dei parchi minerali, il rifacimento delle cokerie e dell’altoforno 5, il più grande d’Europa, non sono neanche preventivati, benché previsti dall’Aia del 2012 prima e dal piano ambientale poi e che la loro realizzazione sia stata recentemente prorogata addirittura al 2023. Con ben 10 decreti salva Ilva non è stato garantito il diritto alla salute e neanche l'occupazione mentre è stata concessa l'immunità penale».

    Vota questo articolo
    (1 Vota)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati