Domenica, 17 Dicembre 2017

    Comune, frizioni nella maggioranza. Vertice chiarificatore

    Foto di repertorio Foto di repertorio Foto Studio Renato Ingenito

    La pallina di neve è diventata una valanga e non si può più fare finta di niente. Nel bel mezzo della trattativa tra il sindaco di Taranto ed il Governo sulla questione Ilva, la maggioranza di governo sembrerebbe essere attraversata da una serie di tensioni interne che hanno a che fare con i famigerati “equilibri interni” e con il cosiddetto manuale Cencelli.

    La scorsa settimana, un post Facebook del consigliere comunale del PD, Gaetano Blé, ha fatto da campanello dall’allarme. Blé ha affidato al social network più in voga il suo sfogo: si è autosospeso dal partito in aperto dissidio con alcuni suoi colleghi di partito. 

    Qualche giorno prima, infatti, era pervenuta al primo cittadino di Taranto, Rinaldo Melucci, un lettera firmata da 5 consiglieri (tre dei quali del PD) in cui si annunciava la volontà di dare vita ad un “inter-gruppo” il cui nome sarebbe “LUOGO COMUNE”. 

    Ora, come è facile comprendere, gli inter-gruppi possono essere formati – qualora il regolamento del Comune lo permettesse – da gruppi che vi aderiscono nella loro interezza e non da consiglieri di questa o di quella formazione politica. 

    Agli analisti e ai conoscitori della politica è subito apparso chiaro che potesse trattarsi – ma questo lo devono dire i protagonisti della vicenda – del tentativo di dare vita ad un nuovo gruppo del quale si chiede riconoscimento politico e peso nella squadra di governo. Una spada di Damocle, insomma, sulla maggioranza in un momento molto delicato per la città. 

    Tuttavia, leggendo attentamente quel documento (che pubblichiamo in anteprima) si evince che i consiglieri del PD, così come gli altri due, intendono essere leali al sindaco e non mettere la sua maggioranza in difficoltà. In più ribadiscono, al secondo capoverso, di non voler dare vita ad un nuovo gruppo. 

    Questa mattina, invece, scoppia la bomba. Un articolo del cronista del Quotidiano di Puglia, Michele Montemurro, parla di un retroscena politico che sembra essere in contraddizione con quanto affermato dal documento ufficiale riportato in calce. Nel pezzo si parla di una serie di richieste che i tre consiglieri del PD avanzano per poter garantire la loro permanenza nel gruppo consiliare: ovvero “deleghe di responsabilità” dal sindaco e la candidatura alle politiche del neo eletto presidente dell’assemblea democratica, Walter Musillo.

    Dove sta la verità? Lo si scoprirà a breve giro di posta. Per le 12:00 di oggi è infatti convocata una riunione a palazzo di città per cercare di fare luce su questo rompicapo.

     

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati