Martedì, 16 Gennaio 2018

    Ilva, Comune e Regione spingono su accordo di programma. Tecnici al lavoro

    Foto di repertorio Foto di repertorio

    “Stiamo facendo qualche piccolo passo avanti. La disponibilità offerta dal presidente del Consiglio Gentiloni ad accogliere le istanze del Comune di Taranto e della Regione Puglia in un atto giuridicamente rilevante integrativo del DPCM impugnato dinanzi al Tar di Lecce è senza dubbio un fatto positivo. Concordo con il sindaco di Taranto che lo strumento giuridico più adatto alla definizione di questo storico accordo non possa che essere quello dell’accordo di programma”.

    C’è piena sintonia tra il governatore Emiliano e il sindaco di Taranto, Melucci, come si evince dalle parole del primo sopra riportate. Così come di comune accordo sta lavorando il personale dei due enti. Lo si apprende dalla stessa nota inviata dal presidente della Regione, laddove è scritto che “questa mattina, si terrà una riunione tra i tecnici delle Regione e del Comune per l’esame congiunto degli aspetti di competenza in relazione ai contenuti ambientali”.

    A specificare meglio in quale direzione si stiano muovendo le due amministrazioni è il vice sindaco di Taranto, Rocco De Franchi, il quale fa spere che: “La Direzione Ambiente in queste ore sta lavorando sulla bozza dell’accordo di programma da condividere con la Regione Puglia e successivamente da inoltrare ai ministeri competenti”.

    Il protocollo d’intesa non basta. Come ribadivamo in un nostro articolo pubblicato ieri, quello che il Governo vorrebbe fosse firmato da Melucci ed Emiliano non è altro che un atto di indirizzo privo di potere vincolante. L’accordo di programma è invece un atto giuridicamente fondato previsto dal diritto amministrativo e segnerebbe il cammino, per così dire, anche nei confronti del prossimo Governo.

    Sono stati gli avvocati della Regione Puglia a rappresentare la necessità di redigere un documento unitario che contenga tutte le richieste degli enti territoriali ritenute indispensabili per addivenire all’accordo con il Governo e la società aggiudicataria, ha fatto sapere Emiliano nelle ultime ore.

    Una volta predisposto il documento finale, il sindaco di Taranto e il presidente della Regione chiederanno un confronto per verificare l’effettiva volontà dell’esecutivo di risolvere la questione.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati