Sabato, 21 Aprile 2018

    Onorevole Vico: “sul Paisiello fumus da campagna elettorale”

    Foto di repertorio Foto di repertorio Foto Studio Renato Ingenito

    Non è troppo convinto l’onorevole Ludovico Vico, circa quanto rilasciato dagli organi di stampa sulla vicenda dell’Istituto Paisiello di Taranto. I nuovi fondi stanziati dal MIUR, assieme alla volontà di statalizzare l’Istituto, non sarebbero difatti a suo parere frutto dell’ultimo incontro avvenuto a Roma (a cui tra l’altro presenziava il Presidente della Provincia di Taranto Tamburrano), ma sarebbero solo il seguito di decisioni già prese ad inizio dicembre 2017.

    Questo, per inciso, quanto dichiarato dall’Onorevole Vico: “Il Paisiello era salvo e lo sapevamo! Ma la campagna elettorale incombe e a qualcuno fa comodo far emergere come nuove notizie già date”.

    Come annunciato a dicembre – ricorda l’on. Vico - quando il Ministro Valeria Fedeli firmò il decreto ministeriale del MIUR con il quale venivano stanziati 7,5 milioni di euro per l’avvio della procedura di statizzazione degli Istituti superiori musicali non statali e delle accademie non statali di belle arti, nella ripartizione di 5 milioni di tali fondi, al Giovanni Paisiello di Taranto sono stati assegnati risorse finanziarie per il prosieguo dell’anno accademico, ammontanti a circa 440 mila euro. Cifra nettamente superiore a quella consuetamente erogata, pari a 300 mila euro. La Corte dei Conti, infatti, ha approvato il decreto alla fine di gennaio e nella giornata di ieri il direttore generale del MIUR ha solo provveduto a trasferire i 440 mila euro stanziati a dicembre. I restanti 2,5 milioni, come fu detto, sono stati assegnati e suddivisi in base alle criticità. Stando proprio alle criticità, nella suddivisione di tali fondi, è rientrato anche il Paisiello, per il quale fra la fine di febbraio e l’inizio di marzo, verranno impegnati circa 300mila euro per l’anno 2018”.

    Forse – conclude l’on. Vico - la statizzazione non è proprio cara a tutti, in quanto non si spiega il perché invece di trasmettere tranquillità agli studenti e alle loro famiglie, si è voluto montare un fumus, coinvolgendo in maniera inutilmente allarmistica anche loro. Il Paisiello era già salvo, le procedure erano state attivate ed ora stanno procedendo nel loro corso. Ieri, bontà sua, ne ha preso atto anche il presidente della Provincia, Tamburrano. Con l’auspicio che un certo tipo di politica la smetta di strumentalizzare i ragazzi, auguro agli allievi dell’istituto un buon prosieguo dell’anno accademico

    Informazioni aggiuntive

    • Sottotitolo:

       

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    ibl_new.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    ibl_new.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati