Sabato, 21 Luglio 2018

    Bilancio oggi in aula, Forza Italia critica: “Vicini al pre-dissesto”

    “Il rendiconto di gestione 2017 certifica che il comune di Taranto manifesta parametri contabili in netto peggioramento rispetto a quelli precedenti tanto da evidenziare elementi caratteristici della condizione di pre-dissesto”.

    Giampaolo Vietri e Cosimo Ciraci sono piuttosto perentori nella nota stampa con cui giudicano il documento contabile elaborato dal Comune di Taranto.

    Secondo i due consiglieri di Forza Italia “l’ordinamento finanziario e contabile, art. 242 del T.U.E.L., considera in condizioni strutturalmente deficitaria gli enti locali che presentano gravi condizioni di squilibrio quando almeno la metà dei parametri obiettivo fissati e stabiliti dal Ministero dell’Interno, e riportati su apposita tabella da allegare al rendiconto, evidenziano valori deficitari”.

    Ebbene, stando a quanto affermano i due esponenti della minoranza: “Il comune di Taranto già nel rendiconto 2016 presentava due indicatori deficitari su dieci; ora addirittura la situazione è peggiorata, in quanto il  numero degli indicatori deficitari e’ salito a 4, per giunta rapportati agli attuali 8 parametri complessivi che l’atto di indirizzo dell’Osservatorio della finanza ha ridotto rispetto ai precedenti 10”.

    “Un preoccupante campanello d’allarme per il comune – dicono i due forzisti - che e’ costretto non solo a monitorare costantemente la riscossione di tutte le entrate ma anche a  determinare correttamente le somme da accantonare per spese che potrebbero emergere a seguito di esecuzioni forzate o da debiti fuori bilancio. In tale situazione, laddove si verificasse un errore nelle previsioni, dovuto a minori entrate o maggiori spese, il comune si ritroverebbe in estrema emergenza costretto a pesanti tagli da apportare con il riequilibrio entro il prossimo 31 luglio o, in caso più grave, ad attivare la procedura di cui all’art. 243 bis del Tuel che prevede l’adozione di un bilancio pluriennale riequilibrato mediante un piano di rientro che eviti all’ ente il dissesto”.

    Con queste premesse è facile immaginare che la discussione oggi in aula si farà rovente. Al sindaco non dovrebbero mancare i numeri, nonostante il Gruppo Indipendente per Taranto sia intenzionato a non votare il consuntivo 2017. In queste situazione, la maggioranza potrebbe contare su 18 voti favorevoli cui si aggiunge quello dello stesso sindaco che però, l’ultima volta, ha preferito astenersi perché voleva un segno di compattezza da parte delle forze che lo sostengono. Conteranno quindi molto le assenze ed eventuali sostegni alla maggioranza che dovessero arrivare dai banchi dell’opposizione. Ancora poche ore e ne sapremo di più.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    menu_alfredo.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati