Mercoledì, 23 Gennaio 2019

    Cementir, secondo Vianello (M5S) Italcementi non ha un piano In evidenza

    “Ho partecipato al tavolo organizzato al Mise su Italcementi, l’azienda ormai di proprietà tedesca che non ha una idea chiara su cosa fare nel prossimo futuro". Non usa mezzi termini il deputato del Movimento 5 Stelle, Giovanni Vianello, al termine del tavolo su Italcementi organizzato ieri pomeriggio al Mise.


    "Sono molto preoccupato - aggiunge il parlamentare ionico - anche sul versante locale: una multinazionale che ha acquisito una rilevante quota di mercato italiana dovrebbe innovare e invece continua a tenere in sospeso il destino dei lavoratori tarantini".


    Ciò che più preoccupa è la grana delle bonifiche e della ristrutturazione. "Non solo l'azienda Cementir di Taranto avrebbe dovuto effettuare le bonifiche della falda e i lavori di ristrutturazione della calata IV del porto - ricorda Vianello - ma al momento non sembra intenzionata a procedere. È ormai tendenza da parte di molte aziende, in questo caso Italcementi, pretendere fondi statali quando in realtà dovrebbero essere le stesse, soprattutto in una fase di post acquisizione, a dimostrare la capacità di mettere sul tavolo risorse finanziarie tali da poter competere anche a livello internazionale".


    "Quale innovazione ha portato la multinazionale tedesca in Italia? Al momento nessuna - sentenzia il deputato tarantino. Tuttavia la cronaca che sin dall’inizio abbiamo letto su Italcementi, ad oggi proprietà Heidelberg, narra di un piano di reindustrializzazione basato su grossi tagli e scarsi investimenti".

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati