Martedì, 14 Luglio 2020

    Puglia Popolare: la revoca della Tacente ci lascia basiti. In evidenza

    Ad affermarlo, in una nota, sono Gina Lupo e Massimiliano Stellato, consiglieri comunali di Puglia Popolare.


    Abbiamo appreso che il Sindaco, risentito per il nostro "disallineato" comportamento in aula durante l ultimo question time, ha revocato il nostro assessore di riferimento.
    Di questo, siamo molto dispiaciuti perchè la professoressa Tacente, in questi mesi, non si è risparmiata recandosi ovunque il Sindaco la mandasse.

    Ha, dunque, svolto il suo lavoro con dedizione, competenza ed elevata professionalità.

    È a lei che dobbiamo porgere le nostre scuse perchè paga dazio per colpe non sue.

    Al Sindaco, invece, rammentiamo che il nostro percorso in aula è stato sempre ispirato ai valori della correttezza e della lealtà.
    In assenza di un incontro propedeutico che stabilisse la linea di condotta della maggioranza durante i lavori assembleari del question time, abbiamo deciso di votare a favore di un documento che, nel rispetto della legalità, della sicurezza e del decoro urbano, non mortificasse le tante persone perbene che al cosiddetto "mercatino delle pulci" vanno per praticare l'hobby del collezionismo.

    A seguito di questa nostra posizione politica, che per nulla stride con l'attuazione del programma elettorale condiviso, il Sindaco ha adottato il provvedimento di revoca della delega assessorile.
    Una punizione, dunque, che in assenza di un incontro chiarificatore il nostro movimento politico non meritava in alcun modo e sulla quale farà presto una apposita riflessione collettiva.
    Il Sindaco, in questa occasione e contravvenendo alla sua acclarata predisposizione al dialogo ed al confronto verso tutti, ha agito di impeto e siamo certi - concludono Massimiliano Stellato e Gina Lupo - conoscendolo, che saprà chiarire presto questo gesto di inaudita altera parte verso chi, come noi, ha a cuore le sorti di Taranto e della sua gente.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati