Mercoledì, 26 Settembre 2018

    Il Comune avrà un Direttore Generale. Giunta, "Le nuove nomine saranno fatte in scienza e coscienza nel bene della città".

    By Greta Coppola Aprile 23, 2014 1402

    Il sindaco Ippazio Stefano , resoconto della gestione e prossime manovre. Ancora attesa per la nuova giunta , nel mentre parte il bando per il Direttore Generale.


    Nella mattinata di oggi, presso il salone degli specchi di Palazzo di Città, il sindaco di Taranto Ippazio Stefano ha incontrato la stampa per comunicazioni riguardanti la vita amministrativa della sua gestione. Il primo argomento ad essere trattato è stato quello riguardante l'accorpamento dell'autorità portuale e lo smantellamento della Concordia.

    E' stato indetto per Sabato alle 11, sempre presso Palazzo di Città,  un tavolo ufficiale al quale sono stati invitati tutti gli attori istituzionali al fine di affrontare tali questioni più nello specifico.

    Si è poi passati a trattare di un altro impegno che questa amministrazione ha preso, ossia quello verso la valorizzazione della città vecchia.

    "Devo ricordare che non nasce oggi l'impegno di questa amministrazione nei confronti della città vecchia, ma nasce esattamente due mesi dopo la mia elezione del 2007 quando la giunta decise di investire nella ristrutturazione della caserma Rossarol, con sei milioni di euro; non dimentichiamo palazzo Pantaleo, punta d'orgoglio di questa amministrazione visitato moltissimo in questi giorni e ristrutturato con un impegno costato due milioni e cinquecento mila euro; piccola cosa ma comunque importante la ristrutturazione della torre dell'orologio, dove risiede anche un'associazione di volontariato. Palazzo Fornai ristrutturato per un importo di circa due milioni di euro occupato da uffici trasferiti nel cuore della citta' vecchia, che  e' stato riportato in condizioni decorose.

    Anche a palazzo Galeota sono stati concessi spazi al centro antiusura che è operativo". 

    Un segnale, da parte delle istituzioni , di vicinanza alla città vecchia.

    L'intervento prosegue elencando altre strutture rese fruibili alla cittadinanza come il ponte di pietra, palazzo Troilo e palazzo Carducci che saranno consegnanti alla città entro la fine del 2015, "segnali di un'amministrazione che lavora" .

    Sono stati poi messi in sicurezza alcuni edifici di proprietà del comune, localizzati nelle stradine prospicenti l'università ed "investendo, con uno sforzo in più della mera messa in sicurezza abbiamo restituito ai nostri cittadini vari edifici"  - prosegue il Sindaco.

    Previsto l'allestimento di un museo medievale in un'ala del Castello Aragonese dopo un'accurata ristrutturazione sottoposta al ministero nel corso dello svolgimento del "Tavolo per Taranto". 

    Il Sindaco ci tiene a sottolineare come, pur versando in uno stato di dissesto, si sia fatto in modo di realizzare queste opere pubbliche.

    Un "passaggio" anche sulla questione Cimino e il raddoppio, per la quale la giunta sta preparando una delibera che demanda al consiglio comunale una decisione ufficiale nel massimo rispetto della trasparenza.

    Riguardo all'uscita dal dissesto il primo cittadino cosi' si esprime: "Siamo usciti dal dissesto grazie ad un'operazione amministrativa di grande rigore. Vorrei ricordare che i primi otto mesi non ho percepito lo stipendio e che gli assessori e tutti i consiglieri hanno dimezzato il loro gettone di presenza al fine di dare un segnale forte". 

    "Resta in piedi pero' il debito con la banca al quale il Sindaco afferma di poter ottemperare, allo stato attuale con il 50% del dovuto messo da parte con i risparmi ed i sacrifici dei tarantini.

    Annunciata poi la pubblicazione del bando per la carica di Direttore Generale, figura che a detta di Stefano si presenta necessaria al fine di coordinare le varie operazioni.

    Dopo aver richiesto ufficialmente all'emittente locale Studio 100 di provvedere ad installare un maxischermo in città per poter seguire il prossimo impegno calcistico del Taranto e quindi l'attaccamento ai colori rossoblu si passa, per concludere, all'argomento che in questi giorni tiene banco: giunta ed assessori.

    "I criteri adottati nella scelta degli assessori sono stati criteri democratici e basati sul consenso popolare. Abbiamo dato spazio ai giovani, una giunta composta da ragazzi, perchè cosi' hanno deciso i tarantini e nel rispetto di una regola fondamentale della democrazia si è fatta questa scelta, ma se l'opinione pubblica, i mezzi d'informazione e le associazioni esprimono un giudizio io ho il dovere morale e politico di rispettarlo". Le nuove nomine saranno quindi fatte in scienza e coscienza nel bene della città".

     
     
    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    menu_alfredo.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    iblpartners_cis_rb_corona_banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati