Giovedì, 23 Novembre 2017

    Prima convention provinciale dei Conservatori e Riformisti: confronto su Ilva, Autorità portuale, Corte d'Appello e sanità

    Prima riunione plenaria dei quadri dirigenti per i Conservatori e Riformisti (CoR) della provincia di Taranto, tenutasi venerdì 11 nelle sale del Relais Histò sul Mar Piccolo. Il coordinatore provinciale, onorevole Gianfranco Chiarelli ha riunito l'intero coordinamento provinciale e i vari coordinamenti locali per un primo confronto su alcuni dei temi più attuali e di particolare rilievo che riguardano la provincia ionica.

    Affiancato dal consigliere regionale Renato Perrini, vice coordinatore vicario, Chiarelli ha parlato di un partito che cresce in termini di adesioni e di consenso; molte le donne e i giovani che si sono avvicinati ai CoR, convinti soprattutto da una linea politica netta, chiara, di alternativa alla sinistra. A introdurre i lavori Francesca Colaninno, una dei vice coordinatori provinciali, che ha affermato di avvertire in modo particolare la responsabilità del ruolo, come donna, come giovane, come professionista che intende impegnarsi a favore della collettività. L'onorevole Chiarelli ha ricordato quelli che sono i cardini del progetto politico dei Conservatori e Riformisti, ovvero l'apertura alla massima partecipazione, di cui le primarie sono uno degli strumenti, la coerenza rispetto ai valori fondanti del centro destra. Riferendosi a quanto accaduto alla provincia ha ribadito come quella esperienza sia da ritenersi chiusa definitivamente. Nel pomeriggio si è anche tenuta una prima riunione delle segreterie provinciali dei principali partiti del centro destra i cui esiti sono stati riferiti alla platea dallo stesso parlamentare. Forza Italia, CoR, Fratelli d'Italia e Noi con Salvini, saranno in campo uniti alle prossime amministrative che vedranno 11 comuni ionici rinnovare le proprie amministrazioni. Perrini si è soffermato sulle recenti questioni oggetto di ampio dibattito come la Autorità Portuale che lo ha visto protagonista di una animata discussione all'interno dello stesso partito di Fitto. «La stampa ha un pó amplificato l'accaduto, ma ad ogni modo continuerò a difendere il mio territorio anche se ciò dovesse comportare prese di posizione che possono non essere condivise dagli amici di Bari».
    E sempre in tema di tutela del territorio il consigliere regionale ha riferito di un confronto con Emiliano sulla ipotesi di chiusura di altri ospedali. «Emiliano mi ha assicurato che non ci saranno chiusure nella nostra provincia».
    Chiarelli si è infine soffermato sulla vicenda Ilva. «Ci sono voluti nove decreti per capire ciò che da tempo mi sforzo di far comprendere; che i soldi sequestrati alla famiglia Riva non fossero disponibili lo si sapeva e si sapeva anche che sul piano tecnico giuridico sarebbe stato impossibile acquisirli, come poi puntualmente si è verificato».
    Alla relazione introduttiva ha fatto seguito un ampio dibattito al quale hanno preso parte  diversi amministratori e dirigenti del partito.

    Vota questo articolo
    (0 Voti)
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    dolci_gusti.jpg
    banner_igenia.jpg
    energy.jpg
    engineering.jpg
    cpnneus.jpg
    IBLPartners_Cis_RB_Tassi_inGiu_Banner_470x700.jpg
    © 2014 associazione CronacheTarantine. Tutti i diritti sono riservati